lunedì 30 giugno 2008

DALLA PREALPINA DI LUNEDI' 30 GIUGNO 2008


(G.S.) - Tre finali-scudetto in tre anni più un titolo italiano di fascia B, che varrà pure poco ma è comunque "meglio di niente". Candidatura più che autorevole al titolo di miglior settore giovanile della Lombardia per l’Aurora Desio, che in quel di Bormio conquista il quarto podio in quattro anni dopo il terzo posto dei Cadetti 2005 e le finali perse contro Fortitudo e Pesaro dagli Under 16 nel 2006 e 2007.

Stagione comunque memorabile per i brianzoli così come per i "cugini" della Blu Orobica, dove in quattro anni di lavoro costante ed "alacre" la gestione-Schiavi ha portato ad uno storico "tris" di finali nazionali da parte dei gruppi "portanti" delle categorie Under 19, Under 17 ed Under 15. Ma sulla base dell’impresa sfiorata a Bormio, il vivaio di Desio non lascia - ma soprattutto non lascia il suo "pilota" Enrico Rocco, che a meno di clamorose sorprese dovrebbe rinnovare entro pochi giorni l’accordo con l’Aurora - anzi è pronto a raddoppiare gli sforzi.

Il primo acquisto bluarancio risponde al nome di Francesco Illiano, storico istruttore delle giovanili di Monza che dopo il terzo posto alle finali Bam col gruppo 1991 e il titolo regionale 1994 dello scorso anno passa dalla Forti e Liberi all’Aurora: a Desio si occuperà in prima persona del gruppo 1996, affiancando Teresa Antonucci alla guida della squadra Under 14 finalista regionale della stagione appena conclusa. «Siamo contenti di inserire nel nostro staff un altro eccellente istruttore - commenta Enrico Rocco - La mia posizione? Ancora nulla di definitivo, ma direi che la mia permanenza a Desio è molto probabile...».

In attesa dell’ufficialità infatti il coach ex Legnano e Milano3 sta curando in prima persona il reclutamento per le giovanili bluarancio: già certo l’arrivo del 94 Baggi da Tirano che verrà ospitato in casa da una famiglia "desiana", quasi fatta anche per l’ingaggio del 93 Scarabello da Sedriano, altri obiettivi importanti Resca da Cernusco (conteso anche da Cantù) più Cazzaniga e Strozza oltre a numerose trattative in corso per atleti delle annate che vanno dal 1992 al 1995. L’auspicio è che i club lombardi di serie A (anche se Milano sta lavorando sul reclutamento per l’annata 1994, con due innesti dal Kolbe Torino e la trattativa aperta con Saronno per Milnoli) possano però riprendere a rappresentare il "faro" del movimento giovanile nostrano, che ormai da qualche stagione è "saldamente" dominato da Desio, Blu Orobica e dal consorzio Robur-Campus. Ossia quelle che investono risorse - prima di tutto - su istruttori ed allenatori, e poi credono fortemente nei prodotti del loro vivaio, con ABC e Coelsanus che si basano ormai da anni sugli elementi "autoctoni" per categorie intermedie ma "formative" come B2 e C1 e l’Aurora Desio che il prossimo anno tornerà a battere questa pista già "vincente" ai tempi del trittico di salti Promozione-C1 con i "figli prediletti" del vivaio brianzolo. Sperando che certi esempi "virtuosi" non rimangano (tristemente) lettera morta, come constatato desolatamente negli ultimi anni...

RisultatiGirone A: Campus Varese-Pontedera 66-53. Casale-Virtus Bologna 88-60, Campus-Casale 50-48, Virtus-Pontedera 62-77, Casale Monferrato-Pontedera 78-85, Virtus-Campus 51-64.
CLASSIFICA: Campus Varese punti 6; Pontedera 4; Casale Monferrato 2; Virtus Bologna 0.
Girone B: Aurora Desio-Benetton Treviso 53-42, Eldo Napoli-Nuova Jolly Reggio Calabria 76-55, Desio-Napoli 44-41, Reggio-Treviso 61-65 dts, Eldo Napoli-Treviso 62-53, Reggio-Desio 60-87.
CLASSIFICA: Aurora Desio 6; Eldo Napoli 4; Benetton Treviso 2; Reggio Calabria 0.
Girone C: Scavolini Pesaro-Sistema Basket Pordenone 49-73, Montepaschi Siena-Cernusco 83-71, Sistema Basket Pordenone-Montepaschi Siena 76-89, Cernusco-Pesaro 66-73, Scavolini Pesaro-Siena 43-60, Cernusco-Pordenone 74-84.
CLASSIFICA: Siena 6; Pordenone 4; Scavolini 2; Cernusco 0.
Girone D: Comark Bergamo-Fortitudo Bologna 78-65, Stamura Ancona-Pall.Trieste 57-86, Bergamo-Trieste 68-84, Stamura Ancona-Fortitudo Bolgna 61-65, Trieste-Fortitudo 58-59, Ancona-Bergamo 49-80
CLASSIFICA: Pall.Trieste, Comark Bergamo, Fortitudo Bologna 4; Stamura Ancona 0.
Quarti di finale: Pontedera-Aurora Desio 49-62, Pordenone-Trieste 62-80, Campus Varese-Eldo Napoli 59-40, Montepaschi Siena-Comark Bergamo 83-59
Semifinali: Campus Varese-Montepaschi Siena 52-79; Rimadesio-Pall.Trieste 71-51
Finale 3° posto: Campus Varese-Pallacanestro Trieste 63-61
Finale 1° posto: Montepaschi Siena-Aurora Desio 52-42

venerdì 27 giugno 2008

ALLENAMENTI SUPERGRUPPO FINE STAGIONE

Definito il gruppo di allenamenti che in questa ultima parte di stagione svolgerà delle sedute specifiche atletcche e di basket prima delle meritate vacanze estive.

Programma allenamenti: Lunedì 30-06; Mercoledì 2-07; Giovedì 3-07; Lunedì 7-07; Mercoledì 9-07; Giovedì 10-07 dalle ore 19.00 alle 21.00 presso il Palazzetto dello Sport di Bergamo.

Convocati: Giorgio Carrara, Loris Giacchetta, Claudio Gotti, Cesare Locatelli, Davide Moretti, Roberto Piantoni, Matteo Cancelli, Alex Motta, Francesco Nava.

Preparatore atletico: Paolo Brambilla
Allenatori: Alberto Dominelli e Gabriele Pirola

Tutti i tesserati dovranno contattare gli Allenatori per eventuali problemi di presenza e di trasporto.

SIENA BATTE BERGAMO 83-59 E MANTIENE LE PREMESSE. SEMIFINALE CON VARESE.

Finali Nazionali Under 15 Bormio - Quarto di Finale
Montepaschi Siena - Comark Bergamo 83-59 (49-29)


Siena: Mugnaioli, Severini 29, Sorrentino 5, Monaldi 29, Chiantini 10, Mazzi 10, Mascagni 5, Papi 2, Terrero 2, Barbucci, Molinaro, Fulignati. All. Catalani
Comark: Tomasini 14, Carnovali 13, Orlandi 6, Locatelli 7, Comerio 5, Tanzariello 4, Giavarini, Giosuè 4, Magnoli 6, Frigeni, Riva, Bellazzi. All. Schiavi

Arbitri: Almerigogni di Trieste e Callea di Porto Torres

Parziale dei quarti: 27-23; 22-6; 20-12; 14-18

Statistiche Comark: tiri da due 14/35 (40%) tiri da tre 7/35 (20%) tiri liberi 10/28 (36%) Rimbalzi difensivi 34 (Carnovali 12) offensivi 19 (Locatelli 5) Palle perse 22 (Tomasini 4, Orlandi 4, Locatelli 4) recuperate 15 (Carnovali 2). Assist 10 (Orlandi 5).

Siena mantiene i favori del pronostico della vigilia e batte nel quarto di finale una Comark con le polveri bagnate dalla lunga distanza che di fatto è riuscita a resistere alla forza della Montepaschi solo per un tempo.

Monaldi parte con una raffica delle sue e conferma di essere uno dei prospetti migliori dell'intera annata. Siena che l'ha reclutato proprio in estate lo sa e lo lascia esaltare nel confronto contro Tomasini.

Nel primo quarto però i Blu tengono botta e appaiono anche ben disposti a sacrificarsi. Nel secondo periodo però è già buio totale per la Comark che realizza solo sei punti aprendo il campo in modo esagerato a Siena che ne approffita da subito. Severini ma anche Mascagni portano in fretta alla doppia cifra il vantaggio dei toscani che chiudono sulla sirena dell'intervallo il più venti.

Comark alle corde cerca di crederci ad inizio ripresa e con un parziale di 5 a 0 prova l'impossibile. Alle prime distrazioni però Siena prende ancora il largo e comanda i giochi fino alla fine.

Per la Montepaschi si aprono le porte della semifinale contro Varese per Bergamo rimane il rammarico di aver incrociato prematuramente contro la numero uno delle pretendenti al titolo.

Queste le parole di Andrea Schiavi a fine partita: "Durante l'anno abbiamo sempre usato il tiro dal perimetro come nostra arma. Ricordo i 65 tiri da tre fatti contro Sedriano, ma anche i 35 di oggi (ieri ndr) ne sono una buona testimonianza. E' chiaro però che il tiro da lontano diventa pericoloso sopratutto contro avversari forti e bravi come quelli di Siena che di fatto ti fanno pagare a caro prezzo ogni errore. Le percentiali non buone di Carnovali, Tomasini e Comerio (3 su 22 ndr) non hanno certo aiutato a "tenere" contro avversari già un po' più forti. E' chiaro anche che una società come la nostra che di fatto non fa reclutamento possa pagare a livelli di estrema eccellenza con chi invece ogni estate fa la spesa al supermarket della nazionale... quindi rimango fiducioso per un gruppo di ragazzi di Bergamo che hanno compiuto in questi due anni progressi importanti e maturato anche speranze legittime per il futuro, nell'attesa di riaprire il nuovo ciclo di due anni della categoria Under 17."

giovedì 26 giugno 2008

LA COMARK BATTE ANCONA E ACCEDE AI QUARTI OGGI CONTRO SIENA PER ENTRARE NELLA STORIA

Finali Nazionali Under 15 Bormio - 3° giornata girone
Comark Bergamo - Stamura Ancona 80-49 (41-23)


Comark: Verri 2, Orlandi 17 (7/9, 1/3), Bellazzi 3, Frigeni 2, Comerio 8, Giosuè 11, Magnoli 2, Locatelli 2, Tanzariello 12 (5/6, 2/4 ai liberi), Carnovali 9, Tomasini 9, Giavarini 3. All. Schiavi
Ancona: Centanni 9, Pagani, Magrini 13, Baldini 4, Giampieri 2, Capulli, Guida, Zampini, Redolf 11, Agostinelli 8, Vaccaro, Leoni. All. Panzini

Parziale dei quarti: 14-7; 27-16; 28-11; 11-15

Statistiche Comark: tiri da due 28/51 (55%) tiri da tre 4/22 (18%) tiri liberi 12/24 (50%) Rimbalzi difensivi 38 (Tomasini 14) offensivi 9 (Locatelli 2 Orlandi 2) Assist 12 (Tomasini 6).

Prossimo turno: quarto di finale ore 18.00 Palasport Pentagono si gioca contro Montepaschi Siena

Vince in scioltezza la gara decisiva per l'acceso ai quarti di finale il gruppo Under 15 a Bormio contro Ancona. Ci pensa la maggior profondità di un gruppo ancora con molte forze ancora inespresse a fare la differenza contro la Stamura che fin dall'avvio non riesce ad oppore una resistenza consona alla gara.

Così Tomasini, Orlandi e Tanziariello fanno il bello e il cattivo tempo in avvio andando più volte a colpire nel pitturato. Ancona sbaglia troppo da sotto e il 41 a 23 alla pausa lunga la dice lunga sul trend della partita.

Nella ripresa i Blu schiacciano ancora sull'accelleratore e raggiungono il massimo vantaggio sul 69-34. Ampie rotazioni per quelli della Comark con spunti positivi da parte di molti.

Si accede ai quarti di finale contro una delle favorite per il titolo. Montepaschi Siena del talentuoso Monaldi hanno qualità individuali e gioco di squadra. I blu però le proveranno tutte per mettere in difficoltà la società già Campione d'Italia sia in Serie A che Under 19.

Notizie da Ancona su www.stamurabasket.it

martedì 24 giugno 2008

TRIESTE TROPPO FORTE PER LA COMARK SCONFITTA PER 68-84 DOMANI CON ANCONA

Finali Nazionali Under 15 Bormio – 2° giornata
Comark Bergamo – Pallacanestro Trieste 68-84 (33-47)


Comark: Comerio, Giosuè 12, Carnovali 21, Bellazzi 4, Tomasini 19, Verri, Giavarini 3, Orlandi, Magnoli 3, Frigeni 1, Locatelli 5, Tanzariello. All. Zambelli
Trieste: Mosetti, La 2, Coronica 13, Fortuna, Coslovich, Casagrande 17, Mosetti L. 1, Zanotto 6, Sauro 2, Favretto 14, Floridan 18, Tritta 11.

Parziale dei quarti: 20-19; 33-47; 53-64; 68-84

Statistiche Comark: tiri da 2 14/36 (39%) 11/33 (33%) tiri liberi 7/23 (30%) Rimbalzi difensivi 24 (Carnovali 12) offensivi 4 (Frigeni 2) Palle perse 21 (Tomasini 6) recuperate 14 (Carnovali 4 Bellazzi 4).
Statistiche Trieste: tiri da due 32/62 (52%) tiri da tre 3/14 (21%) tiri liberi 11/22 (50%) Rimbalzi difensivi 40 offensivi 16 Palle perse 21 recuperate 15.

Prossima gara: mercoledì 25 ore 18.45 ultima partita del girone di qualificazione contro Ancona.

Non riesce l’impresa alla formazione Under 15 targata Comark nella sfida tra le vincenti della prima giornata alle Finali Nazionali Under 15 in svolgimento a Bormio. I Blu partono bene in avvio, ma pagano dazio nella lotta sotto i tabelloni dove la supremazia friulana è sconcertante. Esattamente il doppio i rimbalzi conquistati da Trieste che ha potuto di fatto attaccare un numero di palloni nettamente superiori.

Dopo un avvio bruciante per i Blu e la reazione del secondo periodo per Trieste, molto si decide nella terza frazione con la Comark che con due triple in avvio dopo la pausa lunga, recupera il gap e si presenta a metà terzo periodo sotto di sei. Una palla sanguinosa persa in contropiede da Bellazzi, toglie l’inerzia alla squadra allenata da Mauro Zambelli che in un amen subisce un nuovo break.

Trieste spende molto me controlla agevolmente nel punteggio. I Blu non riescono più a rientrare e anche il meno otto a tre dalla conclusione sembra un fuoco di paglia. In attesa di sapere il risultato dell’altra partita tra Bologna e Ancona (si gioca alle 18.45) i Blu riprendono fiato in attesa della gara decisiva della terza giornata.

lunedì 23 giugno 2008

BUONA LA PRIMA PER LA COMARK A BORMIO CONTRO LA FORTITUDO BOLOGNA 78-65

Finali Nazionali Under 15 - 1° giornata del girone
Comark Bergamo - Fortitudo Bologna 78-65 (44-40)


Comark: Giavarini 8 (4/4), Tomasini 19 (6/7 da 2, 2/6 da 3, 1/2 ai liberi), Carnovali 30 (3/5, 7/12, 3/4 ai liberi) Orlandi 10, Frigeni, Verri, Comerio 5, Locatelli, Tanzariello, Bellazzi 4, Magnoli, Giosuè 2. All. Zambelli
Bologna: Chilo 13, Burresi, Giacometti, Sgorbati 2, Azzaro 8, Perrotta 7, Sassoli 15, Rossi, Marciano, Bianchi, Zannellati 8, Garau 12. All. D'Atri

Parziale dei quarti: 22-25; 44-40; 63-51; 78-65

Note: Statistiche Comark Bergamo tiri da due 19/29 (66%) tiri da tre 12/28 (43%) tiri liberi 4/8 (50%) Palle perse 23 (Tomasini 5) recuperate 9 (Tomasini 4) Rimbalzi difensivi 27 (Carnovali 14) offensivi 2.

Comincia nel migliore dei modi l'avventura del gruppo Under 15 alle Finali Nazionali di Bormio nella gara d'esordio contro Fortitudo Bologna. Dopo un avvio a fari spenti (31-39) i ragazzi di Zambelli trovano in Carnovali la bocca da fuoco per un attacco spesso oltre gli 80 punti di realizzazioni.

Anche Tomasini e Orlandi fanno la loro parte in fase offensiva, anche se i maggiori problemi arrivano a rimbalzo in difesa dove il lungo atletico Chilo (sponda Fortitudo) fa letteralmente il vuoto contro i pari ruoli Blu.

Nel terzo periodo la Comark mette la freccia e scappa a più 15, dimostrando qualitià e determinazione. Finale in controllo con Bellazzi e Giavarini realizzare i punti della sicurezza.

Domani si gioca contro la vincente dell'altro spareggio Ancona Trieste.

domenica 22 giugno 2008

QUARTO POSTO FINALE ALLA COPPA GIOVE DI MONZA PER IL GRUPPO UNDER 13


Trofeo A. Giove - prima giornata
Comark Begamo - Skopje 95-39


Comark: Flaccadori, Savoldelli 17, Stucchi 14, Casappa 6, Mandelli 2, Mazzanti 11, Ripamonti 10, Arnoldi 2, Donadoni 6, Faranna 4, Spatti 4, Esposito 12, Della Volta 8. All: Maltecca-Pirola

Vittoria facile nella prima giornata del XXI Trofeo A. Giove per i '95 della Comark Bergamo.
I ragazzi di Pirola e Maltecca, "rinforzati" dai 2 '96 Faranna e Flaccadori e dal '97 figlio d'arte Savoldelli, vincono agevolmente contro i macedoni di Skopje, arrivati per problemi coi visti solo in 6 al torneo.
Oggi seconda gara contro la Forti e Liberi Monza, già battuta due volte in campionato ma presentatasi al torneo con tanti nuovi innesti e la volontà di ben figurare nel torneo da loro organizzato.
A più tardi per gli aggiornamenti.

Trofeo A. Giove - Seconda giornata
Comark Bergamo - Forti e Liberi Monza 66-51 (33-29)


Comark: Faranna 7, Flaccadori 2, Savoldelli, Stucchi, Casappa 2, Mazzanti, Mandelli, Ripamonti 16, Donadoni 19, Prezioso 2, Spatti 10, Esposito 8. All. Pirola

Arbitri: Salvetti e Formenti

Parziale dei quarti: 12-21, 17-12, 11-21, 11-12.

Note: usciti per cinque falli nessuno. Triple Comark 3, Monza 1.

Vittoria in scioltezza anche nella seconda prova del trofeo Giove. Ottima la spinta del "5" Blu che per lunghi tratti gestisce con autorità la partita.
Domattina semifinale con AJ Milano.

Trofeo A. Giove - Semifinale
Comark Bergamo - Armani Jeans Milano 50-58 (26-34)


Comark: Stucchi, Della Volta, Casappa, Mazzanti, Motta, Ripamonti 13, Donadoni 10, Buzzini 7, Arnoldi, Spatti 16. All. Pirola

Arbitri: Puguatti e Bettini

Parziale dei quarti: 15-20; 11-14; 13-10; 11-14.


Trofeo A. Giove - Finale 3/4 posto
Campus Varese - Comark Bergamo 67-55


Comark: Stucchi 1, Della Volta 2, Casappa 2, Mazzanti 2, Motta 2, Ripamonti 5, Donadoni 20, Buzzini 5, Arnoldi, Spatti 15. All. Pirola

Arbitri: Ruggeri e Albano

Parziale dei quarti: 16-17; 21-13; 17-14; 13-11.

Chiude con un onorevole 4° posto la Comark Bergamo l'ultimo torneo della stagione. Nel caldo torrido dei campi monzesi i bergamaschi, rinforzati nell'occasione dell'ultima giornata dai 2 reds Buzzini e Motta, riescono a stare in linea di galleggiamento in entrambe le partite, senza però riuscire a piazzare quello spunto finale che è un po' il marchio di fabbrica di questo gruppo.

Nella partita con Milano il match viaggia su un parziale vantaggio da parte dei biancorossi lungo tutto l'arco dell'incontro. Quando Bluorobica cerca di piazzare il break decisivo nel finale (-4 a 3' dal termine) i bluarancio riescono a rubare 2 o 3 palloni consecutivamente, ma sbagliano il passaggio o il tiro decisivo anche per il fatto di essere un po' corti e "bolliti".

Nella finale 3/4 posto con Varese il primo quarto vede le due compagini affrontarsi a viso aperto, con un interessantissimo duello Spatti-Grieco vicino a canestro.
Nel secondo periodo il Campus sfrutta i problemi di falli di Ripamonti e fa valere le proprie rotazioni e dimensioni fisiche, piazzando un mini parziale di 21-13 che poi riesce a portarsi dietro fino alla fine.

Due i premi individuali vinti: miglior giocatore del torneo Alessandro Spatti, e giocatore più giovane Nicola Savoldelli. Bravi!

SECONDA GIORNATA COPPA GIOVE A MONZA PER IL GRUPPO UNDER 16 1992-1993

Coppa Giove Under 17 - 2° giornata
Gerardiana Monza - Comark Bergamo 62-44 (28-26)


Comark: Verri, Frigeni, Rota 2, Nava 7, Magnoli 4, Cancelli 7, Riva 2, Tanzariello 2, Bernasconi, Tomasini 4, Giavarini 6, Longo 9. All. Zambelli

Arbitro: Spagnoli di Milano

Parziali dei quarti: 11-12, 17-14, 19-8, 15-10

Note: Timeout Monza 2, Comark 0. Triple Monza 2, Comark 2. Tiri liberi Monza 9/25, Comark 6/10. Falli commessi Monza 18, Comark 21.

Coppa Giove Under 17 - 3° giornata
Comark Bergamo - Pallacanestro Biella 74-75 (31-33)


Biella: Danna Pietro 10, Martinetti 2, Martello 2, Vecchi 18, Martin 17, Ramella 5, Bosio 9, Vitale 12. All. Danna Federico
Comark: Verri, Frigeni 4, Rota 9, Nava 22, Magnoli 2, Cancelli 10, Riva 7, Tanzariello 4, Bernasconi, Tomasini 11, Giavarini 1, Longo 4. All. Zambelli

Arbitro: Gilardi di Arcore

Parziali dei quarti: 23-17, 8-26, 20-9, 23-23

Note: Timeout Comark 2, Biella 4. Triple Comark 6, Biella 3. Tiri liberi Comark 8/12, Biella 12/17. Falli commessi Comark 19, Biella 15

giovedì 19 giugno 2008

TORNEO COPPA GIOVE CON GLI UNDER 16 VITTORIA CONTRO SKOPJE PER 84-61

Coppa Giove Under 17 - 1° giornata
Skopje - Comark Bergamo 61-84 (40-39)


Skopje: Stajic 2, Bukovsky, Ognjanovsky 4, Ivanovic N. 4, Bugharov 4, Ivanovic I. 22, Ristovsky, Kralievic 13, Kazarevski, Kirannsky 2, Petrosky, Pajic 10. All. Andrievsky-Krstic
Comark: Orlandi 6, Bellazzi 11, Frigeni 6, Comerio 9, Locatelli 4, Cancelli 10, Nava 15, Carnovali 16, Longo 7. All. Zambelli

Arbitro: Brambilla di Cassina

Parziali dei quarti: 13-19, 27-20, 13-26, 8-19

Note: Timeout Skopje 3, Comark 1. Triple Skopje 7, Comark 9. Tiri liberi Skopje 6/8, Comark 13/20. Falli commessi Skopje 17, Comark 10.

Prossima giornata: domani ore 9.30 via Enrico da Monza contro Gerardiana Monza, ore 15 via Baioni contro Pallacanestro Biella

lunedì 16 giugno 2008

ALLENAMENTO UNDER 17 SPOSTATO ALLA PESENTI


Notizia urgente:

Gli allenamenti della squadra Under 17 di martedì 17 e giovedì 19 giugno sono stati spostati presso la Palestra Pesenti di Bergamo dalle 17.30 alle 19.30 e quindi non si terranno al Palablu a Treviglio.

In caso di necessità contattare l'allenatore Raffaele Martini

DALLA PREALPINA DI LUNEDI' 16 GIUGNO 2008

FINALI NAZIONALI UNDER 19 Solo Milano ha passato il primo turno

Bilancio "tristemente" magro per le tre portacolori lombarde presenti alle Final 16 Under 19 di Venezia. Soltanto l’AJ Milano ha superato il primo "barrage" piazzandosi tra le prime 12 squadre d’Italia, mentre Whirlpool e Comark hanno dovuto alzare bandiera bianca già al termine delle eliminatorie, "tradite" dal peggior quoziente canestri nell’arrivo in volata dei gironi A e D. «Nel complesso abbiamo disputato una grandissima stagione e dobbiamo solo essere contenti dei risultati ottenuti da questo gruppo, tra il titolo regionale e il primo posto nella fase Interzona - afferma il responsabile delle giovanili biancorosse Bruno Bianchi - Abbiamo viaggiato a lungo oltre i nostri limiti ma a Venezia abbiamo scoperto di avere ancora tanto da fare: purtroppo abbiamo pagato a caro prezzo la brutta sconfitta del secondo giorno contro Palestrina che ci ha condizionato pesantemente, è bastato uno "scivolone" per sciupare l’occasione di passare il turno ma certo alle finali i nostri limiti fisici acuiti dall’assenza di Ferrario erano oggettivamente palesi.

Comunque una bella esperienza che ha insegnato tanto e fatto crescere tutti i ragazzi». Decisamente magrissimo però il bottino per la ex "regione-faro" del movimento giovanile, con Milano passata in 24 ore dall’aver rischiato il colpaccio - senza il febbricitante Gentile - contro la futura campionessa d’Italia MPS Siena allo scivolone contro la Virtus Siena comunque rivelazione assoluta della kèremesse veneziana.

Risultato collettivo che dovrebbe comunque far riflettere, sperando che i segnali di "ri-impegno" da parte di Varese, Cantù e Milano (possibile l’arrivo di Enrico Rocco nella "riorganizzazione" griffata Armani?) invertano in fretta un trend preoccupante...

U15, il Campus pesca Casale, Virtus e Pontedera

Pronti i gironi delle finali nazionali Under 15 con il "poker" lombardo Campus-Cernusco-Desio-Bergamo "frazionato" in ognuno dei 4 raggruppamenti scaturiti dall’urna del Settore Giovanile Fip che hanno delineato il programma delle Final 16 in programma a Bormio dal 23 al 28 giugno prossimo. La formazione di Giulio Besio sarà "testa di serie" del gruppo A nel quale è stata inserita con tre "debuttanti" assolute delle finali di Bormio come Casale Monferrato, Virtus Bologna e Pontedera: i campioni in carica punteranno a passare il turno e a difendere il più a lungo possibile il tricolore dell’annata 1993 conquistato lo scorso anno al Pentagono.

«L’esperienza dello scorso anno potrebbe essere un grande vantaggio nei confronti di squadre all’esordio alle finali nazionali - afferma il coach varesino Giulio Besio - Torniamo a Bormio al termine di un’annata dove nonostante qualche infortunio ci siamo espressi ancora ai vertici: le altre rivali hanno fatto reclutamento e noi no, ma la maturità acquisita nel corso di queste due stagioni contando anche la preziosa esperienza effettuata in Russia sarà un bel vantaggio. Questo gruppo ci ha abituato molto bene ma il traguardo finale dipenderà solo da noi: credo comunque che piazzarsi nuovamente tra le prime quattro sarebbe un grandissimo risultato».

Sicuramente più complicato il cammino delle altre lombarde: il Cernusco dei fratelli Cornaghi partirà "di rincorsa" nel girone C dietro alla favorita MPS, alla solida Scavolini e al quotato Pordenone, buone chances per Bergamo nel girone D pur con Ancona e Trieste come avversarie temibili, mentre Desio - favorita dalla vittoria nell’interzona di Trento - parte come potenziale seconda forza del gruppo B dietro a Napoli ma a fianco di Treviso.


Coppa Giove a Monza. Tutto pronto.

Tutto pronto in casa Forti e Liberi in vista dell’edizione numero 21 della Coppa "Alberto Giove", uno dei tornei giovanili di maggior tradizione nel panorama lombardo che dal giovedì a sabato riempirà ben 4 impianti monzesi (oltre al PalaForti di viale Battisti si giocherà alla "Elisa Sala" di via Clementi, alla Nei di via Enrico da Monza e all’Eureka di via Baioni).

In totale saranno ventuno le formazioni ai nastri di partenza della manifestazione articolata su due "tronconi" (Under 17 per i nati nel 1992 e 1993 - dunque già nell’ottica della prossima stagione sportiva - e Under 14 per gli atleti del 1995). Non mancherà anche quest’anno un tocco di "internazionalità" con quattro portacolori straniere che si cimenteranno contro i "pari età" nostrani: a livello Cadetti ci saranno al via i tedeschi della Urspring Ulm, i croati di Rijeka, i macedoni di Skopije e i bosniaci del Falcon Tuzla (le ultime due squadre parteciperanno anche al torneo dell’annata 1995).

Dodici le squadre Under 17 suddivise in tre gironi da quattro squadre ciascuna; solo 9 a livello Under 14 a causa di qualche defezione "straniera" dell’ultima ora, anche se la formula resterà analoga a quella degli anni scorsi con le prime classificate di ogni girone e la miglior seconda ammesse alle semifinali incrociate di sabato mattina dopo le eliminatorie "disseminate" lungo il corso delle giornate di giovedì e venerdì (si inizia alle 11 del 19 giugno al PalaForti con un "ghiotto" AJ Milano-Desio a livello Under 14 dove il Campus Varese campione regionale parte con i favori del pronostico).

Nella serata del 21 le finali per il titolo: alle 18,30 il match conclusivo dell’annata 1995, a seguire in campo la categoria Under 17.

Il Campus sfida la Gerardiana e i Falcon
UNDER 17 GIRONE A: Urspring Ulm, Forti e Liberi Monza, AP Lissone, Pall.Cantù
GIRONE B: Skopije, Gerardiana Monza, Comark Bergamo, Pall.Biella
GIRONE C: Villasanta, Falcon Tuzla, Eureka Monza, Rijeka.
Eliminatorie 19 e 20 giugno. SEMIFINALI: sabato ore 11 (PalaForti) 1° girone A-1° girone B; ore 11 (palestra Nei) 1° girone C-2° miglior classificata.
FINALI (PalaForti): ore 16,30 finale 3°-4° posto; ore 20,30 finale 1°-2° posto.
UNDER 13 GIRONE D: Aurora Desio, Forti e Liberi Monza White, Olimpia Milano.
GIRONE E: Campus Varese, Gerardiana Monza, Falcon Tuzla
GIRONE F: Forti e Liberi Monza Black, Skopije, Comark Bergamo.
Eliminatorie: giovedì 19 e venerdì 20 giugno. SEMIFINALI: sabato ore 9,30 (PalaForti) 1° girone D-1° girone E; ore 9,30 (palestra Nei) 1° girone F-2° miglior classificata.
FINALI (PalaForti): ore 14,30 finale 3°-4° posto; ore 18,30 finale 1°-2° posto.


Trofeo Bulgheroni, Lombardia sul gradino più basso del podio
UNDER 13 Nella finale di consolazione battuta la rappresentativa della Toscana, in evidenza anche Bardelli del Campus


Chiude al terzo posto la selezione regionale della Lombardia nell'edizione numero 19 del Trofeo Bulgheroni che saluta la vittoria del Lazio nella manifestazione-clou del programma del torneo riservato all'annata 1995. Il gruppo guidato da Marco Alzati e Tommy Gergati è salito sul gradino più basso del podio mettendo in mostra qualche individualità importante (il "nostro" Bardelli del Campus ma anche l'orobico Spatti e Finulli di Gussago) nelle pieghe di una squadra molto futuribile, "pensata" più verso le prospettive future che nei confronti delle attuali qualità dei giovani atleti in campo. Pagata la tensione dell'esordio e la relativa amalgama nel match inaugurale contro il Piemonte, la Lombardia si è riscattata "in corsa" strappando il biglietto per le semifinali grazie al più 9 contro la Toscana valso il miglior quoziente-canestri nell'arrivo a tre a quota 4 punti. Nel match ad eliminazione diretta contro il Veneto però la selezione di Alzati e Gergati ha faticato nel tenere il passo contro i più dinamici avversari, chiudendo però col botto grazie alla rimonta vincente nella "finalina" contro la Toscana dopo un avvio ad handicap (7-16 con 18 palle perse nel solo primo quarto) e una reazione firmata dal duo bresciano Patti-Finulli oltre alla spinta del varesino Bardelli. «Risultato tutto sommato positivo tenendo conto dell'elevato tasso di futuribilità del gruppo - afferma il selezionatore Marco Alzati - Peccato per la tensione iniziale costata la sconfitta contro il Piemonte che ha acuito il fatto di non aver disputato amichevoli prima della partenza per Bormio, poi però ci siamo ripresi mostrando qualche individualità di valore all'interno di un solido gioco di squadra«. A tenere alto l'onore della Lombardia ci ha pensato la selezione regionale femminile di Guido Cantamesse affiancata da Marta Scaramelli, con la coppia malnatese Gambarini-Mistò (già campioni d'Italia del Join The Game) oltre alla bustese Cassani (figlia dell’ex giocatrice di serie A Lella Falciani) a trascinare al successo le "nostre" ragazze (76-42 nella finalissima contro il Veneto).
Nel torneo a livello di rappresentative provinciali grande vittoria invece per la selezione varesina di Fabio Pozzi e Stefano Pozzati, che "bissa" il trionfo dell'annata 1994 con il "blocco" dei 6 giocatori del Campus Varese ben supportati dal bustese Lunghi (vera rivelazione della squadra nelle pieghe del torneo). Percorso netto per la rappresentativa varesina che nel girone eliminatorio ha piegato in serie Pavia/Lodi (Rusconi 19, Bernasconi 13, Crespi 12, Grieco 8), Bergamo (Dejace 23, Rusconi e Lunghi 16) e Lecco/Sondrio (Rusconi 18, Grieco 12, Lunghi 7, Crespi 6). Decisamente sofferta la vittoria a spese di Como (Bernasconi 17, Dejace 10, Lunghi 6) in una semifinale tiratissima risolta grazie a due liberi di Rusconi (24 più 21 rimbalzi) a 6" dal termine, dopo che due incursioni di Pietroboni avevano riportato in parità i varesini. Rimonta vincente anche nella finalissima contro Milano, con i ragazzi di Pozzati e Pozzi "precipitati" anche a meno 12 nel corso del terzo periodo, ma capaci di "esplodere" un clamoroso parziale di 28-10 nell'ultima frazione di gioco con la spinta del duo Bernasconi-Moalli ed un Grieco padrone assoluto dell'area. «Una bellissima esperienza sfociata nella conferma al vertice dopo la vittoria con il gruppo 1994 - commenta il coach varesino Fabio Pozzi - Rispetto all'anno scorso la classe 1995 sembra meno pronta a livello tecnico e fisico, ma vedo comunque ottime prospettive di crescita con punte di talento notevole: nel nostro gruppo segnalerei soprattutto Dejace ma anche Lunghi è stata una bella rivelazione».

sabato 14 giugno 2008

PROGRAMMA ALLENAMENTI 16-22 GIUNGO 2008

Pubblichiamo gli orari di allenamenti e partite della squadre Bluorobica d'eccellenza per la settimana che va da Lunedì 16 a Domenica 22 Giugno 2008.

Di seguito tutti i dettagli della gestione allenamenti e partite per la settimana in questione:

LOGISTICA BLUOROBICA – SETTIMANA 16-22 GIUGNO 2008

Gruppo di Allenamento Palablu (martedì-giovedì 18.00-19.45): tutti i 91 + Monzio. Solo per l’allenamento di martedì 17.06 convocati anche Giacchetta, Longo, Rota (Stezzano), Cancelli.

Al gruppo 1993 per gli allenamenti di lunedì 16, martedì 17 e mercoledì 18 (Palazzetto a Bergamo) si aggrega anche Francesco Nava.

Coppa Giove giovedì 19.06 (1° partita) ore 17.00 Vs. Skopie (ritrovo ore 15.15 Pesenti): Giacchetta, Longo, Rota (manca maglietta), Nava, Cancelli, Bellazzi, Carnovali, Orlandi, Locatelli, Comerio.

Coppa Giove venerdì 20.06 (2°-3° partita) ore 9.30 Vs. Monza e 15.00 Vs. Biella (ritrovo ore 8.00 Pesenti): Giacchetta, Longo, Rota, Nava, Cancelli, Tomasini, Giavarini, Magnoli, Tanzariello, Verri, Riva, Frigeni.

Coppa Giove sabato 21.06 (ev. semifinali e finali): convocazioni da stabilire

Per il gruppo 1995 che si allena lunedì 16 e martedì 17 e che farà la Coppa Giove le convocazioni saranno fatte da Gabriele.

Orario dei trasporti

giovedì 12 giugno 2008

FINALI NAZIONALI UNDER 15 A BORMIO

ECCO I GIRONI DEFINITIVI

Il Settore Giovanile della Federazione Italiana Pallacanestro, visto il Comunicato Ufficiale n° 370 del 10/12/2007 ed il n° 971 del 28/05/2008, comunica le squadre ammesse e le modalità di svolgimento della Finale Nazionale del campionato in oggetto.

Il Settore Giovanile, sentito il responsabile tecnico del Settore Squadre Nazionali maschile, ha composto 4 gironi di 4 squadre ciascuno, che si incontreranno con la formula all’italiana con gare di sola andata, vale in via definitiva per la classifica dei due gironi l’art. 113 R.E. La 1a e 2a classificata di ogni girone saranno ammesse ai quarti.
Le vincenti dei quarti disputeranno la semifinali, le perdenti delle semifinali disputeranno la finale per il 3° e 4° posto, le vincenti la finale 1° e 2° posto.
Alla prima classificata sarà assegnato il titolo di Campione d’Italia 2008.

Sono ammesse alla Finale Nazionale le seguenti squadre:

G i r o n e A
• 034338 Campus Varese - Varese
• 000261 Juve Pontedera - Pontedera (PI)
• 000240 Junior Libertas Pall. - Casale Monferrato (AL)
• 050294 MEDUSA Virtus Pall. Bologna - Bologna
G i r o n e B
• 035353 RIMADESIO Pall. Aurora Desio 94 - Desio (MI)
• 000407 BENETTON Treviso - Treviso
• 000282 ELDO Basket Napoli - Napoli
• 043061 Nuova Jolly Reggio Calabria - Reggio Calabria
G i r o n e C
• 040716 SCAVOLINI Pesaro - Pesaro
• 042305 Sistema Basket Pordenone - Pordenone
• 000141 MONTEPASCHI Siena - Siena
• 000928 Libertas Cernusco - Cernusco sul Naviglio (MI)
G i r o n e D
• 050000 COMARK Bergamo - Bergamo
• 000103 Fortitudo Pall. Bologna - Bologna
• 000135 SEF Stamura Basket - Ancona
• 050308 Pall. Trieste 2004 - Trieste

RAFFAELE MARTINI CHIUDE LA STAGIONE UNDER 19 CON IL SUO COMMENTO ALLE FINALI DI VENEZIA


Nelle ore insonni passate a dare una spiegazione lucida ed obiettiva su quanto successo ieri a Venezia nella terza giornata delle Finali Nazionali della categoria Under 19, siamo a colloquio con Raffaele Martini. Ecco le sue parole non solo sulle gare di finale a Venezia, ma allargando il discorso anche più in generale sulle ultime due stagioni con la sua gestione del gruppo Juniores.

“Queste finali si sono concluse per noi con un grosso amaro in bocca. Dopo aver pregustato la possibilità di passare il turno ed effettivamente giocarsela con le più grandi di un campionato così competitivo come quello under 19, il sogno si è infranto proprio quando sembrava più reale. Il fatto che questo sconforto ci abbia pervaso un po’ tutti fa capire il livello raggiunto in questi anni dalla nostra squadra, oltre che in generale ovviamente da Bluorobica.

La grande dote dell’umiltà e del sacrificio di molti nostri giocatori ci ha permesso quest’anno di agguantare spesso in extremis, ma sempre con grande merito, nuovi traguardi con obiettivi sempre più grandi. Come raggiungere una meta per poi cercarne una ancora più affascinante. Compito non semplice passare nelle prime quattro della Lombardia, ancora più difficile tenere testa alle big di serie A nella fase interzonale.

Finiti in un girone di ferro alle finali nazionali, Vacchelli e compagni hanno provato una qualificazione importante alla fase successiva. Siamo caduti ma dimostrando grande carattere e applauditi spesso da tifosi neutrali e addetti ai lavori.
Probabilmente passata l’amarezza per l’occasione di fare un risultato di grande valore rimarrà in tutti la consapevolezza di aver concluso un biennio davvero di notevole spessore.

Non mi piace citare cifre, ma ringrazio i ragazzi di quanto hanno saputo regalarci. Siamo l’unica squadra della Lombardia ad essere arrivata alle Finali nazionali Juniores per due anni consecutivi. Sono piuttosto orgoglioso di questi ragazzi e li ringrazio per l’impegno profuso e per le emozioni regalateci.”

mercoledì 11 giugno 2008

FINALI NAZIONALI UNDER 19 A VENEZIA FORTITUDO BATTE COMARK E SI QUALIFICA 89-70

Finali Nazionali Under 19 Venezia - 3° giornata
Comark Bergamo - Fortitudo Bologna 70-89 (27-41)


Comark: Gritti 14 (3/5, 2/4, 2/2 ai liberi), Marulli, Meneghel 4, Gibellini 2, Darwish, Lorenzi 18 (1/1, 5/7, 1/2 ai liberi), Corno, Vacchelli 9 (1/1, 2/4, 1/2 ai liberi), Gotti 6 (3/4), Deligios 4, Planezio 9 (3/6, 1/1), Zambelli 3. All. Martini
Bologna: Somvi 14, Fratini 17, Fin 5, Sanguinetti 17, Borra 22, Settanni, Chiarini, Zanata 6, Pieri 2, Fanti, Mazza 3, Landuzzi 2.

Parziale dei quarti: 11-23; 27-41; 47-62; 70-89

Statistiche Comark Bergamo: tiri da due 13/30 (43%) tiri da tre 11/24 (46%) tiri liberi 10/17 (59%) Rimbalzi difensivi 15 (Meneghel 3 Deligios 3 Planezio 3) offensivi 2 (Gritti 1 Gibellini 1) Palle recuperate 10 (Vacchelli 4) perse 18 (Deligios 4)

Classifica finale del girone di qualificazione: 1) Benetton Treviso 2) Scavolini Pesaro 3) Fortutido Bologna 4) Comark Bergamo

Sembrava un sogno quello di superare lo sbarramento di un girone eliminatorio veramente tremendo quello che ha accompagnato il gruppo Under 19 in queste tre giornate di Finali Nazionali a Venezia. Con la vittoria seppur risicata con Pesaro sembrava che i Blu ce la potessero fare. Invece il sogno è svanito all'improvviso questa sera davanti alla prepotenza fisica e atletica della Fortitudo. I felsinei sono stati capaci di concentrare tutti gli sforzi proprio contri i Blu facendo praticamente la partita perfetta e di fatto eliminando la squadra di Martini dalla possibilità di accedere allo spareggio tra le seconde e le terze di ogni girone.

La gara inizia subito in salita per la Comark che non riesce a tenere duro in avvio. Bologna trova in Borra e Sanguinetti le due anime più vispe e allunga decisamente già alla prima sirena (11-23).
Nel secondo periodo i Blu le provano tutte per poter risalire la china e la buona percentuale nel tiro dal perimetro tiene a galla gli orobici.

Ripresa con la zona 2-3 della Fortitudo a stoppare ogni velleità di rientro quantomeno al meno 6 necessario per la qualificazione sponda Blu. Meneghel non carbura e Deligios e Corno non sono brillanti come al solito.

Nell'ultimo quarto Martini prova anche con i raddoppi a frenare l'attacco Fortitudo che dopo aver segnato 47 punti contro Pesaro e 57 contro Treviso trova davvero una serata di grazia dei propri esterni. E' chiaro anche che il predominio dei rimbalzi sponda Bologna (17 per i Blu 34 per Bologna) è un chiaro segno della maggiore forza e fisicità della squadra della F.

Finisce quindi anticipatamente rispetto allo scorso anno il cammino del gruppo Under 19 nelle finali di categoria. Rimane la consapevolezza di aver provato a infastidire le così dette grandi, riuscendoci purtroppo solo in parte. Il primo tempo con Treviso e la vittoria contro Pesaro rimangono le "cose" belle da serbare nei migliori ricordi. La forza di avversari certamente più blasonati ma anche più "disponibili" nel reclutamento dimostra ancora per i Blu che la strada intrapresa è quella giusta.

martedì 10 giugno 2008

FINALI NAZIONALI UNDER 19 OPEN A VENEZIA IMPRESA COMARK CHE BATTE PESARO 59-55


Finali Nazionali Under 19 Venezia – 2° giornata
Comark Bergamo – Scavolini Pesaro 59-55 (31-22)


Comark: Vacchelli 9, Meneghel 13, Planezio 14, Gotti, Gritti 2, Lorenzi 4, Darwish 4, Zambelli, Deligios 11, Corno 2, Monzio, Gibellini. All. Martini
Pesaro: Laudani 12, Montanari 1, Corsaletti 10, Amici 20, Gianpaoli 5, Pompucci, Bei 2, Rossato 3, Ricci, Tamburini 2, Leopardi, Cardini. All. Baioni

Parziale dei quarti: 21-14; 31-22; 47-36; 59-55

Statistiche Comark: tiri da due 17/35 tiri da tre 3/17 tiri liberi 16/22. Rimbalzi difensivi 27 (Planezio 7) offensivi 4. Palle perse 24 (Planezio 4 Meneghel 4) recuperate 16 (Corno 5).

Impresa Comark che batte nella seconda giornata delle Finali Nazionali Under 19 la Scavolini Pesaro.

Parte a razzo la Comark che con Planezio (2/2 da tre) stende per il primo K.O. tecnico la Scavolini. I Blu sono indiavolati e Pesaro e costretta a guardare. Alla prima sirena è già più 6. Anche nel secondo periodo i ragazzi di Martini spingono sull’acceleratore e guadagnano ancora qualche punto di margine con le cose positive di Deligios, Gritti e Vacchelli.

Bergamo va alla pausa lunga con qualche certezza in più rispetto ad inizio gara. Alla ripresa del gioco però Pesaro inizia a giocare da Scavolini aumentando il ritmo e proponendo un Alessandro Amici autore del break che riapre i giochi subito dopo l’inizio dell’ultimo periodo.

Negli ultimi minuti ci pensa un ritrovato Fabrizio Meneghel a compiere un paio d’imprese con il rimbalzo offensivo di Seba Corno a chiudere ogni discorso sulla vittoria finale a pochi secondi dalla fine.

Ottimo! Domani si gioca contro Fortitudo Bologna.

Commento dal sito della Reyer:
10/06/2008 - Comark Bergamo – Scavolini Pesaro 59-55


Comark Bergamo: Vacchelli 9, Meneghel 13, Planezio 14, Gotti, Gritti 2, Zimbelli n.e., Deligios 11, Ronzio n.e., Corno 2, Darwish 4, Lorenzi 4, Gibellini. All. R. Martini

Scavolini Pesaro: Giampaoli 5, Nardini, Tamburini 2, Pompucci, Ricci n.e., Montanari 1, Bei 2, Laudani 12, Rossato 3, Corsaletti 10, Leopardi n.e., Amici 20. All. G. Baioni

ARBITRI: Degobbis e D’Amato

Parziali: 21-14; 31-22; 46-37; 59-55.


Il primo, timido allungo è della squadra che ha regolato Bologna, sponda Fortitudo, il giorno precedente. Al 5’52” Corsaletti capitalizza canestro e libero aggiuntivo per il + 4 esterno (7-11), Lorenzi dalla lunetta riporta l’equilibrio (12-12), Meneghel taglia la difesa marchigiana e costruisce il + 5 interno (19-14) prima che Deligios voli a depositare il 21-14 del tempo. Si ricomincia da dove si era finito, ovvero con Deligios che copre tutto il campo per riempire il suo score col 23-14.

La Scavolini prova a reagire con il trepunti di Landoni che porta il 25-21 al 3’46”, Planezio allontana la minaccia, entrambe le squadre cercano di correre e imporre contropiede e transizione per non dover giocare contro difesa schierata. Due liberi di Griti accompagnano la Comark al +9 (31-22 al 7’26”), si segna davvero col contagocce, anzi, gli ultimi 2’34” scivolano via senza che il punteggio subisca cambiamento alcuno. Bergamo tira meglio da 2 (53% contro 39%), da 3 (43% vs 29%), i liberi (100& vs 29%), vince, di misura, il confronto a rimbalzo (15-14) e cede solo nel saldo tra perse e recuperi.

Due triple di Amici sorprendono Bergamo al rientro dal riposo lungo (33-28 all’1’37”), la penetrazione sul fondo di Tamburini accorcia il divario (33-30 al 3’05”), Amici lo imita con l’ottavo punto personale dall’inizio del terzo periodo (35-32 al 3’35”), Bergamo resta in controllo col canestro di Darwish (40-32 al 6’19), al quale segue la sospensione di coach Baioni, prima che Planezio confezioni il +10 (42-32) e Vacchelli (2/2) il +12 (44-32 a 2’39”). Darwish deposita un elegante semigancio (46-35), quasi a dimostrare che se la palla va dentro l’area lui sa farne buon uso, l’ultimo possesso sarebbe orobico se Vacchelli non mettesse nelle mani di Montanari la palla che, complice il fallo subito nel bonus e il successivo 1/2, permette a Pesaro di chiudere la frazione sotto la doppia cifra.

Scavolini a -7 al 2’ del quarto periodo e a meno 5 (48-43) con due canestri consecutivi di Landoni che “mangia” un personale aggiuntivo, addirittura a -2 (48-46) con 2+1 di Amici e oltre 7’ sul cronometro. A 6’38” dalla fine è parità (48-48) con la soluzione frontale di Giampaoli e Bergamo in evidente confusione offensiva di idee senza contare la smarrita intensità difensiva. L’incertezza regna sovrana, in casa lombarda Vacchelli un po’ scompare dalla partita, a 3’21” dalla fine Amici libera il tiro dall’arco che vale il 50-55, gli errori si sprecano, a 1’50” Meneghel converte un solo libero (53-55) e poi traduce in due punti d’oro l’assist di Vacchelli (55-55, 1’14”), completando l’opera col vantaggio dalla linea della carità (56-55).

Amici forza e sbaglia, Meneghel anche ma trova il fallo: 1/2, 57-55, rimbalzo prodigioso di Corno e ancora Vacchelli in acrobazia per il 59-55 che fa esplodere la gioia bergamasca.

COMUNICATO STAMPA FINALI NAZIONALI UNDER 19


Hanno rispettato i pronostici della vigilia le prime quattro partite delle Finali Nazionali Under 19 che hanno preso il via oggi. Nella stupenda cornice del centro storico veneziano si sta infatti giocando in contemporanea sia presso il Palasport Gianquinto all’Arsenale, già storica dimora della Reyer, società che organizza l’evento, che anche presso il nuovissimo impianto di San Pietro in Volta nell’isola di Pellestrina.

I risultati delle prima quattro partite hanno confermato che i campioni in carica della Benetton Treviso insieme ai vicempioni della Montepaschi Siena sono ancora le squadre da battere e le maggiori accreditate per la vittoria finale. Bene anche Armani Jeans Milano e Scavolini Spar Pesaro entrambe vittoriose rispettivamente su Crabs Rimini e Fortitudo Bologna. Buona anche l’affluenza di pubblico che in entrambi i palasport ha fatto fino ad ora registrare un flusso complessivo di circa mille spettatori.

Completeranno la giornata Banca Sella Biella – Demi Il Gabbiano Cagliari e Medusa Virtus Bologna – Virtus Palestrina (entrambe tutt’ora in corso) e Stella Azzurra Roma – Virtus Siena, Whirpool Varese – Everlast Firenze (entrambe con inizio alle ore 21).

Benetton Treviso – Comark Bergamo 86-64
Parziali: 20-16, 38-34, 67-50


Benetton Treviso: Chinellato 5, Cazzolato 3, Monzardo 3, Gaspardo, Loschi 13, Sandri 6, Martinoni 21, Deguara 2, Barman ne, Gentile 14, Renzi 19, Benetti. All. Corbani
Comark Bergamo: Vacchelli 13, Meneghel 8, Planezio 5, Gotti 7, Zimbelli 3, Deligios 15, Marulli 2, Monzio 1, Corno, Darwish 4, Lorenzi 4, Gibellini 2. All. Martini

PALASPORT GIANQUINTO ALL’ ARSENALE - Se la aggiudica la Benetton Treviso la prima partita delle Finali Nazionali Under 19 disputatasi sul campo del Palasport Arsenale di Venezia. I binacoverdi si impongono infatti per 86-64 sui lombardi della Comark Bluorobica Bergamo. Pur pagando dazio in termini di centimetri la formazione bergamasca tiene testa nel primo quarto ai Campioni d’Italia in carica.

Il primo parziale si chiude infatti sul 20-16, con sole 4 lunghezze di vantaggio per la Benetton. Renzi, Martinoni e Monzardo firmano l’allungo trevigiano (29-20) al 5’del secondo periodo grazie anche ad una serie di preziosi rimbalzi offensivi che permettono parecchi secondi tirai biacoverdi. Bergamo resta in partita grazie alle ripartenze in velocità dei propri piccoli e al tiro da fuori.

La bomba del bergamasco Gibellini porta i lombardi quasi a contatto (34-36) poco prima dell’intervallo lungo. Nel terzo quarto però è nuovo allungo dei casual che toccano più volte il +13. E’ il colpo di grazia per una pur coriacea Bergamo che dopo aver tenuto testa alla Benetton per oltre metà partita si ritrova alla penultima sirena sul -17 (50-67).

Nell’ultimo quarto Treviso può incrementare il proprio vantaggio e spedire in campo quasi tutti gli effettivi compreso il 223 Samuel Deguara che si fa subito notare per l’impressionante mole sottocanestro.

lunedì 9 giugno 2008

FINALI NAZIONALI UNDER 19 A VENEZIA ESORDIO POSITIVO DI TREVISO CON I BLU 86-64


Finali Nazionali Under 19 Venezia - 1° giornata
Benetton Treviso - Comark Bergamo 86-64 (38-34)


Treviso: Loschi 13, Gentile 14, Barzan, Monzardo 3, Benetti, Cazzolato 3, Sandri 6, Chinellato 5, Gaspardo, Renzi 19 (7/16, 1/5, 2/6 ai liberi in 36') Martinoni 21 (10/14 in 37') Deguara 2. All. Corbani
Comark: Darwish 4, Vacchelli 13 (3/4, 1/2), Marulli 2, Zambelli 3, Gibellini 2, Deligios 15 (5/7, 1/2, 2/4 ai liberi), Lorenzi 4, Monzio 1, Meneghel 8, Corno, Planezio 5, Gotti 7. All. Martini

Parziale dei quarti: 20-16; 38-34; 67-50; 86-64.

Statistiche Comark Bergamo: tiri da due 17/44 (39%) tiri da tre 6/19 (32%) tiri liberi 12/20 (60%) Rimbalzi difensivi 28 (Gotti 5) offensivi 6 (Darwish 3) Palle perse 21 recuperate 17 (Vacchelli 6).

Dura venti minuti il sogno del gruppo Under 19 d'eccellenza di giocarsela alla pari nella gara d'apertura di tutte le Finali contro i Campioni d'Italia del 2007 della Benetton Treviso.

Nei primi due quarti la pressione difensiva dei Blu mandano in tilt l'attacco della squadra di Corbani. Ottime le giocate di Meneghel & c, fino al meno quattro dell'intervallo tra lo stupore generale dei presenti.

Dopo la pausa lunga la maggiore propensione alle gare di un certo tipo spinge Treviso ad un break importante finendo in un amen sopra di 14. Martinoni e Renzi (19 rimabalzi) fanno la voce grossa e impongono i ritmi.

Visto l'andazzo i Blu si rifugiano in ampie rotazioni che permettono comunque ai ragazzi di Martini di non spendere troppe energie in vista della due gare dei prossimi giorni.

COMARK FESTEGGIA DI NUOVO TRE FINALI BLUOROBICA SUL TETTO D'ITALIA

(Foto "rubata" dal sito della Stella Azzurra Roma)

Può festeggiare a gran voce il Settore Giovanile Comark Bergamo che grazie all'ultimo interzona svolto dagli Under 15 d'eccellenza in quel di Donoratico anche per la stagione sportiva 2007-2008 può contare tre squadre su tre alle varie Finali Nazionali di categoria Under 19, Under 17 e Under 15.

Sono solo quattro le Società che hanno potuto raggiungere in Italia risultati del genere e i nomi sano altisonanti: Scavolini Pesaro, Virtus Bologna, Monteaschi Siena e Benetton Treviso. In mezzo a queste Società storiche della pallacanestro italiana, ma sarebbe più giusto dire europea, c'è anche la piccola Bluorobica Bergamo. Una Società e un team di persone nate per fare attività giovanile. Una Società e una organizzazione improntata sulla crescita dei propri giocatori e che attraverso il migliormamento delle proprie leve porta in alto il nome di una provincia che fino a qualche anno fa esisteva solo per il calcio dell'Atalanta e per la pallavolo femminile della Foppa (a proposito complimenti alla squadra Under 16 Foppapedretti laureatasi Campione D'Italia a Napoli proprio ieri) e non certo per il basket giovanile.

Questi risultati e riconoscimenti sul campo riempiono d'orgoglio la dirigenza orobica a cominciare dal Presidente Andreini fino a Carlo Ballini e tutti i collaboratori che insieme con i ragazzi hanno condiviso questa nuova stupenda stagione agonistica.

E' chiaro che non sempre sarà possibile in futuro pensare di essere sempre al top dei top, ma la qualità dell'attività viene misurata anche per questo tipo di credenziali. Complimenti.

DALLA PREALPINA DI LUNEDI' 9 GIUGNO 2008

FINALI NAZIONALI UNDER 17 Titolo annunciato per la Virtus Bologna che piega Siena all’ultimo respiro

Chiudono la corsa tra le migliori otto squadre d’Italia le "nostre" Aurora Desio e Comark Bergamo, che un anno dopo secondo e terzo gradino del podio alle finali Under 16 di Montecatini debbono "accontentarsi" di un risultato comunque lusinghiero come le Final Eight Under 17 conquistate a Barletta. Alla Rimadesio di Enrico Rocco non è bastata la grande impresa del terzo turno contro la Stella Azzurra Roma (89-68; Tavernelli 22, Torgano 18, Casati 17) superando nettamente lo scarto minimo dei 10 punti necessari per superare l’ostacolo. Sforzo pagato nei quarti di finale contro Reggio Emilia, "remake" della sfida di Montecatini vinta da Desio: con un anno di sviluppo in più a far pesare l’enorme gap fisico i bluarancio hanno dovuto arrendersi (84-88 all’overtime; Casati 28 con 7/13 da 3) contro un Melli incontenibile (33 punti e 24 rimbalzi), pagando a caro prezzo un avvio a fari spenti (5-25 al 10’) e soprattutto l’infortunio al ginocchio riportato da Tavernelli nel finale del primo tempo. Bilancio comunque positivo per l’Aurora secondo Enrico Rocco: «Purtroppo le cinque ore in palestra nel caldo torrido di Barletta causate dalla rottura del tabellone nel match inaugurale contro Siena ci hanno "svuotato": contro la Stella Azzurra abbiamo giocato alla grande, pagando però dazio in avvio contro Reggio Emilia che ha chiesto gli straordinari ad un Melli incontenibile sotto ogni fronte, Ma posso solo applaudire i miei giocatori che sul 9-32 del 13’ hanno trovato la forza di reagire e riaprire la gara avendo anche il possesso per vincere nel finale dei regolamentari: arrivare tra le prime otto per noi e Bergamo è un onore, trovando ancora posto tra le migliori d’Italia pur rappresentando realtà dilettantistiche a confronto con le "grandi" del reclutamento». Fuori ai quarti anche la Comark di Andrea Schiavi (nella foto), che ha provato senza esito a fermare la marcia della corazzata Virtus Bologna (70-83; Tommasini 27, Gritti 11, Gotti e Marulli 10), mentre Milano, dopo la partenza sparata contro Pesaro, è uscita di scena al termine della prima fase perdendo nettamente contro la Lottomatica Roma (81-102). Titolo italiano "annunciato" comunque per la Virtus Bologna pur col brivido finale (67-65 nel match tricolore con la MPS con canestro allo scadere di Tommasini).

Under 19 Open, per Varese è l’ora della verità

(G.S.) - Arriva il momento della verità per la Whirlpool Varese, pronta a partire alla volta di Venezia per l’atto conclusivo della stagione degli Under 19 Open. Tornata tra le migliori sedici squadre d’Italia dopo cinque anni grazie alla "partnership" con i cugini dell’ABC, la formazione Juniores della Pallacanestro Varese debutterà questa sera (ore 21 nel nuovo palasport situato sull’isola di Pellestrina) contro la Pool Firenze, terza classificata del girone D della fase Interzona che ha però reinserito la temibile ala Cutolo. Primo appuntamento del cammino "eliminatorio" toccato in sorte ai biancorossi, potenziale "testa di serie" numero 2 del suo raggruppamento dietro la corazzata Virtus Bologna - favorita numero 1 per il titolo italiano davanti a Benetton Treviso, Biella e Siena - ma davanti a "gigliati" ed alla Virtus Palestrina. Dopo la doppia vittoria nella fase regionale lombarda e nel girone B della fase Interzona, la "Banda Bassotti" griffata Whirlpool proverà a piazzare la "ciliegina sulla torta" puntando a superare quantomeno il primo turno (vincente del girone ammessa direttamente ai quarti di venerdì; seconda e terza al "barrage" di giovedì).
«La squadra è pronta per l’atto conclusivo di una stagione comunque esaltante - spiega il coach varesino Bruno Bianchi - Nelle ultime 4 settimane di lavoro dopo l’interzona abbiamo studiato qualche accorgimento difensivo particolare che possa mascherare i nostri limiti fisici, acuiti dalla defezione di Ferrario. Più sale il livello delle avversarie e più per noi è difficile mascherare il fatto di non avere lugnhi di ruolo; però i ragazzi hanno grande voglia di fare e sono arrivati con merito a questo traguardo. Per andare lontano possiamo giocare soltanto sul piano del ritmo e dell’intensità a tutto campo: faremo valere quelle armi, oltre alle doti tecniche dei nostri esterni, per puntare al barrage e magari a rimanere in Laguna fino a venerdì».
Obiettivo analogo per le altre lombarde Armani Jeans Milano e Comark Bergamo: l’Olimpia di Enrico Montefusco esordirà alle 17 contro i Crabs Rimini in una sorta di "spareggio" per il secondo posto del girone C dove la "testa di serie" è la corazzata MPS Siena. L’auspicio per il team biancorosso è quello di aver sfruttato la pausa post-Interzona per recuperare i molti infortunati e riproporre lo "stato di grazia" che tra gennaio e marzo aveva garantito all’AJ un ciclo di 11 vittorie consecutive determinante per l’accesso in finale. Compito improbo infine per la Comark, inserita in un vero e proprio "girone di ferro": debutto odierno contro i campioni in carica di Treviso. Così i 4 gironi delle finali Under 19:
GIRONE A: Benetton Treviso, Comark Bergamo, Scavolini Pesaro, Fortitudo Bologna.
GIRONE B: Banca Sella Biella, Il Gabbiano Quartu Sant'Elena, Consum.It Siena, Nordkapp Stella Azzurra.
GIRONE C: Montepaschi Siena, Libertas 2000 Agrigento, Vulcangas Rimini, Armani Jeans Milano.
GIRONE D: Medusa Virtus Bologna, Virtus Palestrina, Whirlpool Varese, Pool Firenze.

Cavalcata trionfale per i varesini nel girone interzona disputato a Fano, le finali nazionali si svolgeranno a Bormio dal 23 al 28 giugno

Tagliano il traguardo in quattro le formazioni lombarde impegnate nel weekend nella fase Interzona della categoria Under 15 Open. Saranno Elmec Varese, Libertas Cernusco, Comark Bergamo e Rimadesio le portacolori "nostrane" a tenere alto l’onore della regione in occasione delle finali nazionali dell’annata 1993 in programma a Bormio dal 23 al 28 giugno prossimo. Vera e propria "cavalcata trionfale" nel girone di Fano per il Campus di Giulio Besio, che ha macinato gioco e vittorie con assoluta facilità: esordio "in scioltezza" contro Reggio Calabria (85-57; Rulli 8, Masotti 10, Riccio, Nalesso 7, Salerno, Bellotti 11, Balanzoni 6, Valeri 14, Corazzon 6, Sabbadini 2, Polimeno 17), proseguendo sulla stessa falsariga contro Vigodarzere (63-35; Rulli 10, Masotti 7, Riccio 2, Nalesso 5, Salerno, Bellotti 7, Balanzoni 7, Valeri 8, Corazzon 2, Sabbadini 9, Polimeno 2, Muraca 2) e chiudendo in gloria contro Brindisi (85-51; Rulli 6, Masotti 12, Riccio, Nalesso 6, Bellotti 21, Balanzoni 6, Valeri 12, Grillo 2, Gambarini, Corazzon 12, Sabbatini 3, Polimeno 4). Soddisfatto Giulio Besio per il "tris" di successi che legittima lo "status" da testa di serie del Campus: «Il traguardo minimo del ritorno in finale è stato raggiunto grazie a tre buone prestazioni corali, con conferme importanti da parte dei giocatori cresciuti già durante l’anno che hanno dimostrato anche all’Interzona di potersi rendere utile in vista delle finali». Ben più sofferta invece la qualificazione di Cernusco, che nel girone di Castiglione del Lago ha iniziato col botto contro Lecce (85-55 all’esordio) ma ha dovuto arrendersi alla fisicità di Napoli ("consorzio" di oltre 20 società con il massiccio lungo a determinare il 68-73 finale). Nel match decisivo contro Padova vittoria col brivido per i "Bufali" (71-70; Resca 25, Saturnino 16), due volte a più 10 ma mai in grado di chiudere i conti, pure capaci di ricucire 8 punti di scarto negli ultimi 100 secondi ed uscire a braccia alzate nella lunga "lotteria" dei tiri liberi finali (1/4 per Mezzaqui negli ultimi 30"...ma comunque sufficiente visto lo 0/2 in lunetta decisivo per Padova a 2" dalla fine...) che ha comunque regalato alla Libertas la seconda qualificazione consecutiva alle Final 16 di Bormio. Bella impresa invece a Donoratico per la Comark Bergamo, che in un girone equilibratissimo ha staccato il biglietto per la Valtellina con un giorno d’anticipo grazie ai successi a spese di Trapani (83-76; Carnovali 26, Comerio 21, Tomasini 13) e Pordenone (100-94 all’overtime; Carnovali 30, Tomasini 26, Orlandi 14) "cancellando" il meno 6 del 37’ con la solita scarica di triple micidiali. Ininfluente la sconfitta finale contro la Stella Azzurra Roma (74-79; Giosuè 12, Carnovali 11, Tomasini 10) per i ragazzi di Schiavi che firmano la terza finale nazionale per il vivaio Blu Orobica. L’impresa più clamorosa è stata quella firmata dalla Rimadesio, con Massimo Bisin che si conferma specialista delle "missioni impossibili" in chiave Interzona: dopo la falsa partenza inaugurale contro Latina (60-62; Saggiante 16, Colombo 9, Desio 8) figlia del pessimo 5/21 ai liberi, l’Aurora si è riscattata brillantemente contro l’Azzurra Trieste 66-60 (Saggiante 24, Desio 14, Ghioni e Cipriano 8) e ha tagliato il traguardo in volata grazie al 43-39 conclusivo contro la Fortitudo Bologna (Cipriano 11, Colombo 10) nonostante il 4/18 ai liberi del primo tempo; ai brianzoli serviva vincere con almeno 3 punti di scarto, maturati grazie al 2/2 in lunetta di Ghioni a 9 decimi di secondo dal termine. «Siamo stati bravi, ma anche fortunati...» il laconico commento finale del coach desiano...Unica lombarda "respinta" è stata l’Armani Jeans, capitata in un vero e proprio girone di ferro: sconfitta in volata contro Trieste (77-84; Marcon Fiastri 6, De Bettin 6, Morrone 2, Negri 9, Catania 16, Almansi 16, Frigerio 3, Meledje 9, Rocchi 10, Petrosino, Badinotti, Re) seguita dal più netto stop contro la Virtus Siena (65-82; Marcon Fiastri 12, De Bettin 2, Negri 2, Petrosino 4, Badinotti 4, Morrone 2, Catania 10, Almansi 7, Frigerio 8, Meledje 7, Rocchi 7, Re). Ininfluente la vittoria finale contro Casale Monferrato (74-55) per i ragazzi di Bizzozzero.

LE MIGLIORI 16 SQUADRE UNDER 15 D'ECCELLENZA A BORMIO DAL 22 AL 28 GIUNGO 2008


Sono quattro le formazioni lombarde che sono riuscite nell'impresa di essere qualificate per le Finali Nazionali della categoria Under 15 a Bormio. Campus Varese, Libertas Cernusco che ha dovuto sudare le proveribaili sette camice prima di superare in un finale al cardipalma Padova, Desio vincente di 4 contro Fortitudo nella gara decisiva che è valsa anche il primato nel girone e infine la Comark Bergamo. Non c'è la fatta l'Armani Jeans inserita in un girone di ferro insieme a Casale Monferrato, Trieste e Virtus Siena.

Ecco le sedici formazioni qualificate per le Finali di Bormio.
Squadre prime classificate del girone interzonale: Scavolini Pesaro, Aurora Desio, Stamura Ancona, Eldo Napoli, Campus Varese, Comark Bergamo, Casale Moferrato, Montepaschi Siena.
Squadre seconde classificate nel girone interzonale: Benetton Treviso, Fortitudo Bologna, Pontedera, Cernusco, Reggio Calabria, Pordenone, Trieste, Virtus Bologna.

domenica 8 giugno 2008

PROGRAMMA ALLENAMENTI 9-15 GIUGNO 2008 VARIAZIONI DEL PROGRAMMA

Pubblichiamo gli orari di allenamenti e partite delle squadre giovanili Comark Bergamo per la settimana che va da Lunedì 10 a Domenica 15 Giugno 2008.

Il programma precedentemente pubblicato è stato modificato in qualche seduta di allenamento.

Programma trasporti:

INTERZONA UNDER 15 ECCELL. A DONORATICO

STELLA AZZURRA BATTE COMARK 79-74


Interzona Under 15 a Donoratico - 3° giornata
Comark Bergamo - Stella Azzurra Roma 74-79 (47-41)


Comark: Verri, Orlandi 2, Bellazzi 8, Frigeni 5, Comerio 8, Giosue' 14, Locatelli 4, Tanzariello 10, Bernasconi, Carnovali 11, Tomasini 12, Giavarini 2. All. Schiavi
Roma: D'Auria 10, Gentili 9, Napoletano, Vardaro 9, Romani, D'Ascanio 6, Di Cera 6, Rosati 10, Delle Cave 15, Baldini 10, Duranti 1, Rambolla 3. All. D'Arcangeli

Arbitri: Orlandini di Livorno e Meloni di Pisa

Parziale dei quarti: 25-19; 16-28; 13-17; 20-15

Note: usciti per cinque falli Tanzariello (Comark) D'Ascanio, Rosati, Zambolla (Roma). Tiri Liberi Comark 25/44 Roma 16/20 Triple Comark 5 Stella Azzurra 1.

Classifica finale concentramento: 1) Comark Bergamo 2) Sistema Basket Pordenone 3) Basket Trapani 4) Stella Azzurra Roma.

Si chiude con una sconfitta indolore la trasferta in maremma del gruppo Under 15 d'eccellenza per l'accesso alle Finali Nazionali di Bormio. Già qualificati dopo le prime due giornate i Blu si sono trovati di fronte la squadra esclusa dalla lotta per accedere alla fase successiva.

Poca energia comunque sponda Blu che pur facendo ampie rotazioni non ha mai avuto il pallino del gioco in mano tranne che nel primo periodo. La Stella Azzurra Roma invece ha trovao risorse mentali importanti in una gara che seppur senza troppe motivazioni poteva dare comunque importanti segnali.

Il parziale del secondo periodo è imperioso per i capitolini che alla prima distrazione Comark chiudono ogni varco andando in contropiede più volte. Nei restanti venti minuti le giocate di Giosuè, Tanzariello e Carnovali non bastano a recuperare il gap e la gara procede senza grandi sussulti fino al meno cinque finale.

Il gruppo Under 15 conquista sul campo la seconda Finale Nazionale della propria storia (Bam 2006-2007 e Under 15 2007-2008) e si dovrà preparare al meglio nei prossimi giorni per evitare di ripetere con insistente testardaggine gli errori del passato.

SCHIAVI PENSIERO POST BARLETTA

"POTEVAMO ESSERE MIGLIORI, PECCATO"


Di ritorno da Barletta dove si sono svolte le Finali Nazionali Under 17 siamo a colloquio con Andrea Schiavi, Responsabile del Settore Giovanile Bluorobica oltre che allenatore della squadra cadetti.

Soddisfatto di queste seconde Finali Nazionali con il gruppo 91?
Non abbiamo giocato delle grandi finali, come invece era successo nel 2007 a Montacatini. In ogni partita abbiamo sempre sofferto qualcosa. Gli avversari soprattutto. Bologna e Treviso sono delle grandi squadre. Bologna in effetti la più grande in assoluto. Ma anche con Ostia nella gara decisiva per l’accesso ai quarti di finale, abbiamo sofferto più del dovuto, non dando mai l’impressione di essere in controllo. Con Trieste invece la gara è stata discreta.

Bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno dunque? Arrivare quinti in Italia seppure ex-equo con Società prestigiose come Treviso, Lottomatica Roma e Desio è un altro risultato storico per una Società come la nostra dove la parte dedicata alle risorse del reclutamento sono molto vicine allo zero. Abbiamo, tranne rare eccezioni, tutti ragazzi nati a Bergamo e che vivono nel capoluogo. Questo fatto naturalmente se paragonato agli avversari che di fatto dispongono di risorse e investimenti che neppure ci sfiorano, ci riempie di orgoglio e da ulteriore motivazione alla prosecuzione della nostra attività. E’ chiaro anche però che il clamoroso terzo posto della scorsa stagione ha di fatto alzato molto le aspettative di tutti. Quest’anno abbiamo gioito più per il primo posto in Lombardia (dopo il terzo del 2007), che per la qualificazione all’interzona a Consandolo, o il quinto posto a Barletta.

Questo significa che il movimento cestistico a Bergamo ha alzato il tiro? Di fatto si. Se è giusto gioire ed esaltarsi per risultati eclatanti come successo nel recente passato, è anche giusto rendersi conto quando il gioco che proponi non è sufficiente per farti sentire bene, potendo e dovendo dare tutto in poche azioni. Probabilmente per diverse ragioni non siamo riusciti ad esaltarci nel gioco di squadra, come invece era successo a Montacatini, dando di fatto tutto, e anche in condizioni fisiche peggiori rispetto a quest’anno. E questa sensazione rimane come rammarico.

Alti e bassi con tutti i presenti a Barletta o qualche certezza c’è stata? Ho cercato di parlare con tutti i ragazzi ponendo degli obiettivi tecnici e tattici per poter progredire. In molti ho visto proprio quei passi per fare bene e provare a superare i propri limiti. E’ chiaro che non sempre è così semplice, soprattutto quando s’inizia a giocare con gente di spessore e di qualità come è capitato a Barletta.
Marco Planezio rimane la certezza numero uno della squadra. Pur non giocando al meglio durante queste ultimi finali ha dimostrato classe e determinazione. Per lui la strada della prima squadra di Treviglio penso sia doverosa e se è vero che il suo coetaneo Melli gioca in Lega due con successo e con minutaggi sostanziosi, penso proprio che Marco possa a sua volta dire la sua per qualche minuto in serie B d’eccellenza.
Gotti dopo le clamorose finali di Montacatini ha fatto intravedere progressi sia sotto l’aspetto tecnico, sia anche di tenuta fisica e caratteriale. E’ chiaro che la concorrenza delle altre squadre è altissima… ma la strada penso sia quella giusta. Marulli ha dimostrato a tratti che se messo in condizione può risultare uno dei play più affidabili in Italia per l’annata 91. Anche per lui, per poter progredire, si dovrebbero aprire le porte di una squadra senior. Avere a che fare con scelte e atteggiamenti adulti sono una delle priorità per Roby nella prosecuzione della sua carriera cestistica.
Gritti e Lussana pur compiendo buone prove durante il torneo, non hanno brillato. Questo mi dispiace perché entrambi hanno cercato in tutti i modi di applicarsi per il gruppo. Per entrambi comunque questa seconda esperienza alle finali non può che tornare utile in futuro. Gibellini ha dato grande sostanza alla squadra e ha sopperito per quello che necessario al fabbisogno di grinta e determinazione che al gruppo è mancato in qualche frangente. Belotti, Scarrocchia, Cornolti, Casappa e Cancelli non hanno avuto molte possibilità di utilizzo durante le Finali di Barletta, però sono stati i primi ad essere ringraziati dal sottoscritto per l’intera stagione perché giocare meno e allenarsi da “primi” alza il livello qualitativo degli allenamenti. I due 93 Carnovali e Tomasini hanno dato il loro contributo di talento e di qualità. Da loro in effetti non mi aspettavo nulla di più nulla di meno.

Il livello delle Finali di Barletta è stato comunque alto? Direi molto alto. Le annate 91 e 92 in Italia rappresentano quanto di meglio può sfornare una nazione come la nostra. E la presenza di molti procuratori sulle tribune del Paldisfida ne è la testimonianza più concreta.
Tommasini e Baldi Rossi di Bologna, Melli di Reggio Emilia, Iannuzzi e Cantanni di Siena, Contento e Maganza di Udine, i due Potì dell’altra Siena, D’Alessio e Casale di Lottomatica, Cecchetti di Ostia, Torgano di Desio, Deguara Benetton e non penso di dire eresie aggiungendo il “nostro” Planezio da “Nembro” insieme con i vari 92 Sabbatino, Sgobba, Gentile, Ceron, Ingrosso… rappresentano un ottimo gruppo di giocatori per le nazionali giovanili.
Il cambio delle annate a mio parere ha aiutato una maggiore maturazione degli atleti di classe 91 facendo due stagioni da protagonisti assoluti, anche se visti i minutaggi e i ruoli fondamentali che i migliori 91 si sono riusciti a ritagliare nelle proprie squadre under 19 penso che lo spostamento delle categorie sia stato in effetti abbastanza inutile.
Invece di ricambiare ancora tutto come successo qualche anno fa con la messa a regime dei nostri campionati a quegli degli europei, bastava (proprio se si voleva fare qualcosa) allungare a tre annate il campionato Under 18, posticipando l’uscita agli Under 19 anziché agli Under 18. In questo modo ci avremmo guadagnato un po’ tutti, anche quei ragazzi che per maturazione fisica e tecnica avevano necessità di altro tempo per poter finire di crescere.

Qualche 91 sarà impegnato nelle finali di Venezia con la squadra Under 19? Si abbiamo “spedito” a Venezia: Planezio, Gotti e Marulli che insieme a Gibellini e Gritti hanno condiviso l’esperienza utile del doppio campionato. E’ chiaro che il livello sale, ma le qualità ci sono e anche in questa occasione i ragazzi daranno il meglio.

Programmi futuri all’orizzonte? Stiamo per finire una stagione importante che ci ha consacrato insieme a Montepaschi Siena, Virtus Bologna, Scavolini Pesaro, Benetton Treviso e Stella Azzurra Roma come le uniche Società in Italia capaci di presenziare a tre Finali Nazionali. Insieme con Andreini e Ballini stiamo cercando di organizzare al meglio l’attività. Appena la stagione sportiva sarà finita avremo modo di concretizzare quello che nel corso di questi ultimi mesi ci siamo prefissati. Un maggiore qualità dell’attività con gruppi di allenamento omogenei e l’inserimento dei giocatori Under 19 all’interno di squadre senior rimangono al momento le priorità.

sabato 7 giugno 2008

COMARK BERGAMO BATTE PORDENONE 100-94 FINALI DI BORMIO GIA' SICURE PER I BLU


Interzona Under 15 Donoratico – 3° giornata
Comark Bergamo – Sistema Basket Pordenone 100-94 dts (40-39)


Comark: Verri, Orlandi 14, Bellazzi 5, Frigeni, Comerio 5, Magnoli 2, Giosuè 4, Locatelli 4, Riva 2, Carnovali 30, Tomasini 26, Giavarini 8. All. Schiavi
Pordenone: Ciman 34, Bagnarol 1, Del Rizzo 2, Mack, Varuzza 24, Ughi 8, Bellinvia, Bertin 23, Giro 2, Vitolo, Dus, Faloppa. All. Consonni

Arbitri: Solfanelli di Livorno e Meloni di Pisa

Parziale dei quarti: 27-20; 13-19; 25-24; 18-20; 17-11

Statistiche Comark Bergamo: tiri da due 30/51 tiri da tre 11/31 tiri liberi 7/11. Rimbalzi difensivi 28 (Carnovali 8 Tomasini 8) offensivi 4 (Tomasini 2) Assist 14 (Tomasini 6) Palle recuperate 24 (Tomasini 8) perse 28 (Tomasini 5).

Con una vittoria tiratissima dopo over time contro Pordenone per 100 a 94 la squadra Under 15 d'eccellenza Comark Bergamo si è aggiudicata la seconda partita della fase interzonale a Donoratico.

La contemporanea vittoria di Trapani contro Stella Azzurra Roma ha spalancato di fatto ai Blu le porte delle terze Finali Nazionali giovanili per la stagione in corso che si svolgeranno a fine mese a Bormio.

La gara con Pordenone è un susseguirsi di emozioni e anche di belle giocate. Difese rivedibili, pochi falli di squadra e a tratti un gioco di categoria superiore. Da una parte il terzetto Varuzza, Bertin e Ciman (quest'ultimo una vera sentenza dal tiro dal perimetro) fanno la voce grossa in termini di punti realizzati. Dall'altra la coppia Tomasini-Carnovali confenzione un 9/22 da tre con 13/23 da due, 18 rimbalzi e 13 recuperi.

Già all'avvio si capisce che i ritmi saranno serrati e la precisione nei tiri dal perimtetro findamentali. I Blu scappano sul 27 a 20 alla prima sirena. Pordenone non ci sta e la gara prosegue con piccoli break da una parte e dall'altra. Sotto di sei a 3 minuti dalla fine ci pensano 4 triple (2 di Simo e 2 di Tommay) a ridare ossigeno puro alla combriccola orobica che sull'ultima azione di Pordenone difende il pareggio a quota 83 e conquista l'over time.

Nel tempo supplementare le energie per Pordenone si affievoliscono mentre hightlander Orlandi piazza un 2/2 dalla lunetta importante. Anche Giavarini realizza un canestro fondamentale e il canestro finale di Giosuè da un insperato più 6 che chiude la gara tra gli applausi.

ALTA SPECIALIZZAZIONE PER LA LOMBARDIA SPATTI CONVOCATO DAL C.R.L.


Il Comitato Regionale Lombardo nell’ottica del miglioramento tecnico, organizza un raduno di alta specializzazione che si terrà a Bormio dal 29 giugno al 6 luglio, che vede coinvolti gli atleti nati negli anni 1994/95, e convoca i seguenti:

1. BAGGI MATTEO BASKET TIRANO
2. BARDELLI FEDERICO CAMPUS VARESE
3. BARONI ALESSANDRO BASKET ISEO
4. BRAMBILLASCA GIOVANNI GORGONZOLA
5. DE VICO NICCOLO’ FORTI E LIBERI MONZA
6. DI PRENDA MATTEO NERVIANESE
7. ERBA DAVIDE ABC CANTU’
8. FRANZOSI DAVIDE AQUILE LONATO
9. MAGNANI MATTEO GORGONZOLA
10. MAGNI STEFANO PALL. CANTU’
11. MEDA GABRIELE AURORA DESIO
12. MINOLI ALESSANDRO ROBUR SARONNO
13. RIVA RICCARDO OLIMPIA MILANO
14. ROMEI LONGHENA GIOVANNI ARDOR BOLLATE
15. SPATTI ALESSANDRO BLU OROBICA
16. TEDOLDI MARCO BASKET ISEO

ALL. S.S.N. GAETANO GEBBIA

Vi informiamo inoltre che dal venerdì alla domenica, a completamento, si terrà un clinic rivolto agli allenatori tenuto da : Gaetano Gebbia – Fabrizio Frates – Luca Dal Monte.

Ringraziando per la collaborazione e l’attenzione, porgiamo cordiali saluti

Il Presidente

Convocazione di lusso quella fatta per Alessandro Spatti da parte del CRL in occasione di un raduno appositamente creato per i migliori ragazzi della Lombardia delle annate 1994 e 1995. Una bella occasione dove maturare significative esperienze tecniche insieme con il meglio che la regione Lombardia propone a livello Under 13 e Under 14.

INTERZONA UNDER 15 ECCELL. A DONORATICO BUONA LA PRIMA CON TRAPANI 83-76


Interzona Under 15 d'eccellenza - 1° giornata
Comark Bergamo - Basket Trapani 83-76 (36-29)


Comark: Carnovali 25 (9/13, 2/10, 1/3 ai liberi), Tomasini 13 (2/6, 2/3, 3/7), Comerio 21 (3/5, 4/7, 3/3 ai liberi), Orlandi 6 (3/6), Bellazzi 5 (1/1, 1/3), Giavarini 6 (3/3, 0/2), Locatelli 1 (0/3, 0/1, 1/4), Frigeni, Magnoli, Tanzariello, Verri. All. Schiavi
Trapani: Mollura 16, Marrone, Imbrò 16, Rotolo, Cascone 4, Dispinzeri 30, Romano 5, Palermo, Morana 5, Maltese, Marrone F., Del Gaudio 1. All. Barbara

Arbitri: Orlandini e Bellucci di Livorno

Parziale dei quarti: 22-17; 16-12; 23-26; 22-21.

Note: altro risultato del girone interzonale Basket Sistema Pordeone-Stella Azzurra 94-89. Classifica Girone Interzona: Comark Bergamo 2, Sistema Basket Pordenone 2, Trapani 0, Stella Azzurra Roma 0.

Programma sabato 7-06: ore 16.00 Comark Bergamo-Sistema Basket Pordenone ore 18.00 Stella Azzurra Roma-Trapani.

Si apre con una vittoria il cammino della squadra Under 15 Comark nella fase interzonale di Donoratico contro Trapani.

Bella la partita tra lombardi e siciliani in un inedito derby nord-sud che ha visto protagonisiti qualche ragazzo molto interessante già nel giro delle nazionali giovanili. E così ai "nostri" Carnovali e Tomasini, si sono aggiunti nella bella sfida che per larghi tratti è rimasta in equilibrio, il mezzo lungo di Trapani Dispenzeri, che ha chiuso con 30 punti e una mole di gioco davvero ragguardevole e anche il giovanissimo Imbrò (classe 94) vera spina nel fianco della difesa orobica, fermato nel finale di gara solo dai 4 falli commessi troppo precocemente.

Gara divertente ed equilibrata dove Orlandi & c. si sono esaltati nel tiro dal perimetro con la solita serie di triple a scardinare la zona proposta da coach Barbara. Comerio 4/7, Tomasini 2/3, Bellazzi 1/3 e il solito "timido" Carnovali 2/10 hanno prodotto punti importanti fuori area, tenendo presente dell'arrocco siculo. Nel pitturato voce grossa per Tommy che ha chiuso con 9/13 da due, 10 rimbalzi, 3 recuperi, 4 assist e la coppia Giavarini (3/3 da due 5 rimbalzi) Locatelli (8 rimbalzi) a fare legna.

Archiviata la prima gara con Trapani, la strada per Bormio è ancora lunga. Gara importante nel pomeriggio di sabato contro Pordenone (vincente nella prima sfida con Roma di cinque lunghezze dopo essere stata in svantaggio per tutto l'arco della gara anche di 20 punti) e ultima gara nella mattinata di domenica.

Vi terremo aggiornati.

Altri risultati:

MONTEPASCHI SIENA Vs GS AMATORI BASKET PESCARA 79 - 67
PALL. TRIESTE 2004 Vs ARMANI JEANS MILANO 84 - 77
CAMPUS VARESE Vs NUOVA JOLLY REGGIO CALABRIA 82 - 53
FORTITUDO PALL. BOLOGNA Vs O.F.P. AZZURRA R.D.R. 92 - 65
BENETTON TREVISO Vs 1° rif gara 86007 - 86023 52 - 77
SEF STAMURA BASKET Vs JUVE PONTEDERA 77 - 73
LIBERTAS CERNUSCO Vs NEW BASKET 99 LECCE 85 - 55

giovedì 5 giugno 2008

TROFEO BULGHERONI - BORMIO 10-14 GIUGNO ECCO LA LISTA DEI CONVOCATI DEFINITIVI

TROFEO BULGHERONI 2008 SELEZIONE REGIONALE LOMBARDIA

Il Comitato Regionale Lombardo, in preparazione al Trofeo Bulgheroni, in programma dal 10 al 14 giugno 2008 e che vedrà coinvolti gli atleti nati nell’anno 1995, convoca i seguenti atleti per l’allenamento che si svolgerà il giorno 8 giugno 2008 ore 10.00-12.30 presso il Centro Tecnico Via Buonarroti 44 a CERNUSCO SUL NAVIGLIO

Gli stessi dovranno presentarsi il giorno 10 giugno 2008 alle ore 12.00 presso l’Hotel BAITA CLEMENTI – Via Milano- BORMIO

1. BARDELLI Federico Campus Varese
2. COLOMBO Giorgio Rimadesio Aurora Desio
3. DI PRENDA Matteo Nervianese
4. DONADONI Mattia Comark Bergamo
5. ERBA Davide Team ABC Cantù
6. FINULLI Federico U.S. Gussago
7. MEDA Gabriele Rimadesio Aurora Desio
8. PATTI Fabio U.S. Gussago
9. PICCOLI Matteo Campus Varese
10. RIPAMONTI Davide Comark Bergamo
11. RIVA Riccardo AJ Olimpia Milano
12. SPATTI Alessandro Comark Bergamo
13. VERUCCHI Andrea Social Osa

Giocatori riserve a casa:
AMBROSETTI Marco Rimadesio Aurora Desio
DEJACE Michel Campus Varese
TONELLA Roberto AJ Olimpia Milano

Staff C.R.L.:
Dirigente FIP: CRIVELLI Pierangelo
Allenatore: ALZATI Marco - ALBARTI Massimo
Assistenti: GERGATI Tommaso - PEREGO Federico - ZAMBELLI Mauro
Preparatore Fisico: MOLINA Andrea


Nell’ambito del Progetto di Qualificazione Territoriale sono invitati tutti gli Allenatori dei ragazzi coinvolti per gli allenamenti, con abbigliamento idoneo a svolgere attività di assistenti allenatori. Inoltre gli stessi Allenatori saranno coinvolti nella verifica e nella valutazione dei ragazzi presenti all’allenamento.
Sempre nell’ambito del PQT al raduno in questione saranno presenti Arbitri e MiniArbitri, con i loro Istruttori CIA, che con le stesse modalità dei giovani giocatori coinvolti, stanno compiendo quei passi di miglioramento tecnico per poter progredire sempre più maggiormente.

mercoledì 4 giugno 2008

FINALI NAZIONALI UNDER 17 ECC - BARLETTA
COMARK - VIRTUS BOLOGNA 70-83
I BLU NON RIESCONO NELL'IMPRESA


Finali Nazionali Under 17 Barletta - Quarto di Finale
Comark Bergamo - Virtus Bologna 70-83 (36-43)


Comark: Scarrocchia, Planezio 8, Gotti 10, Marulli 10, Gritti 11, Giballini 10, Lussana 9, Carnovali 7, Tomasini 5, Belotti 5, Casappa, Cancelli. All. Schiavi
Bologna: Vitali 12, Sorghini 6, Tommasini 27, Baldi Rossi 18, Fontecchio 11, Moraschini, Negri 3, Gazzotti 2, Chiusolo 4, Binelli, Benuzzi, Tugnoli. All. Consolini

Parziale dei quarti: 15-26; 21-17; 16-17; 18-23.

Statistiche Comark Bergamo: tiri da due 14/34 (41%); tiri da tre 7/21 (33%); tiri liberi 21/29 (71%). Rimbalzi difensivi 22 (Gotti 6) offensivi 11 (Gotti 5). Palle perse 28 (Marulli 7 Gritti 6) recuperate 25 (Planezio 5) Assist 15 (Planezio 4).

Con la sconfitta nel quarto di finale contro la Virtus Bologna (70 a 83) si ferma il percorso alle Finali Nazionali Under 17 per il gruppo Comark Bergamo.

Troppo forte Bologna per pensare di dar seguito al sogno di entrare nelle migliori quattro squadre d'Italia. La gara concreta e molto efficace di Claudio Tommasini ha di fatto stoppato sul nascere qualsiasi speranza velleitaria di Planezio & c. incapaci di contenere nel miglior modo possibile le folate del talentuoso esterno virtussino.

La gara per larghi è in equilibrio, anche se Bologna ha una incollatura di vantaggio che si tiene stretta per tutto l'arco dell'incontro. I lunghi Baldi Rossi e Fontecchio metteno in crisi la difesa Blu, arroccata spesso a zona per cercare di spezzare il ritmo di un attacco a cinque cilindri.

Dall'altra parte il tiro dal perimetro non premia più di tanto i Blu che faticano a trovare con soluzione di continuità conclusioni efficaci. Si arriva alla fine del terzo periodo ancora sotto di otto (52-60).

Quelli della Comark provano a stringere le maglie difensive, ma è ancora Tommasini dalla grande distanza a riportare il vantaggio in doppia cifra. Si chiude con un paio di giocate prelibate di Simone Tomasini ben supportato da un ritrovato Lussano. Però è tardi. Bologna dopo l'eliminazione beffa della stagione passata approda alle semifinali incontrando Reggio Emilia vincente su Desio. Per Bluorobica la consapevolezza, per non avendo giocato delle "stra-finali", di aver raggiunto un quinto posto ex-equo con Desio, Treviso e Lottomatica rispecchiando i valori di una squadra che suppur formata nella quasi totalità degli elementi, da tutti ragazzi della città di Bergamo non è seconda a nessuno per dedizione e applicazione.

martedì 3 giugno 2008

FINALI NAZIONALI UNDER 17 ECC. - BARLETTA
PROGRAMMA DEI QUARTI DI FINALE


Dopo il 2 a 1 di ieri nella sfida regionale tra Lombardia e Lazio con Bergamo e Desio ad avere la meglio su Ostia e Stella Azzurra, con la sola formazione dell'Armani Jeans a soccombere contro Lottomatica, si aprono oggi i quarti di finale.

Questo il programma a partire dalle ore 15.00:

ore 15.00: Benetton Treviso - Virtus Siena
ore 17.00: Montepaschi Siena - Lottomatica Roma
ore 19.00: Comark Bergamo - Virtus Bologna
ore 21.00: Aurora Desio - Reggio Emilia

Ecco il parere di Schiavi da Barletta: "Sulla carta Treviso contro Siena e Bologna contro Reggio Emilia, dovrebbero essere le due semifinali annunciate alla vigilia che si stanno contretizzando, anche se dopo una carambola di risultati poco preventivabili alla vigilia e che di fatto pur creando grandi clamori non hanno poi sparigliato la griglia delle ammesse ai quarti di finale.

Sulle otto squadre pretendenti di oggi, solo due non hanno perso nessuna gara (Treviso e Bologna ndr) e questa cosa potrebbe non aiutare le due squadre che insieme a Siena hanno investito più di tutte in reclutamento e budget per i loro gruppi Under 17.

In questo senso potrebbe essere utile a noi giocare contro la favorita numero uno delle finali, ma che al momento non ha ancora brillato veramente. E' chiaro che per vincere contro la Virtus non basta cuore e determinazione. Bisogna aggiungerci precisione, tattica, astuzia, forza... e anche un po' di fortuna. Siamo venuti a Barletta per giocarci questa partita. Ci siamo allenati tutto l'anno per provare divertendoci a fare il colpo che nessuno si aspetta. Ecco quelo momento è arrivato. Questa sera sapremo se potremo realizzare il sogno oppure no."

lunedì 2 giugno 2008

FINALI NAZIONALI UNDER 17 ECC. - BARLETTA
COMARK - OMEGA OSTIA 76-72
LA VITTORIA VALE I QUARTI DI FINALE


Finali Nazionali Under 17 Barletta – 3° giornata
Comark Bergamo – Alfa Omega Ostia 76-72 (45-38)


Comark: Scarrocchia, Planezio 24, Gotti 8, Gritti 13, Belotti, Marulli 12, Casappa, Cancelli, Gibellini 9, Carnovali 6, Tomasini 4, Lussana. All. Schiavi
Ostia: Baiocchi, Fanti 12, Iannone, Liguori 14, Losanno 2, Coppola, Di Pietro 2, Bizzochi, Canfora 2, Cecchetti 32, Bonifizzi, Di Fabio 8. All. Corradini

Arbitri: Rossi di Anghiari e Boscolo di Chioggia

Parziale dei quarti: 22-20; 23-18; 16-16; 15-18

Statistiche di squadra Comark: tiri da due 15/46 (33%) tiri da tre 12/24 (50%) tiri liberi 10/18 (56%). Rimbalzi difensivi 34 (Gibellini 6, Gotti 6) offensivi 14 (Planezio 5). Palle perse 25 (Marulli 6) recuperate 18 (Planezio 4). Assist 14 (Marulli 4) Falli subiti 22 (Planezio 7).

Il gruppo Under 17 della Comark vince la gara decisiva del girone di qualificazione contro Alfa Omega Osita (terza classificata nel Lazio) e si qualifica ai quarti di finale giocando la gara per l’accesso alle semifinali contro la favorita Virtus Bologna.

Gara intensa e a tratti molto bella tra i Blu e i ragazzi romani. Inizio a razzo per Ostia che prende in mano le redini del gioco andando a condurre al 5’ per 13 a 17. Alla prima sirena Planezio & c ritrovano intensità e precisione andando a condurre 22 a 20.

Nel secondo periodo gli orobici provano la fuga e grazie alle triple del quarto 4/7 riescono anche a fare l’andatura: 35 a 28 al 15’ e 45 a 38 al 20’.

Dopo l’intervallo il 12 a 0 propiziato da un Roby Marulli scatenato, viene rintuzzato dalla reazione di Ostia che non ne vuole sapere di soccombere.

Anche nell’ultimo quarto i Blu tentano la fuga, ma il cuore di Cecchetti fa provincia e il 68 a 59 al 35’ non da la necessaria tranquillità ai Blu che a quattro minuti dalla fine si ritrovano soltanto sopra di uno. E’ una bomba di Carnovali a spezzare l’inerzia favorevole a quelli di Ostia, poi ci pensa il 2 su 2 di Gibellini dalla lunetta a dare ossigeno.

L’ultimo assalto con la tripla di Liguori viene respinto dal ferro. I Blu controllano nel finale e gestiscono l’esiguo vantaggio. Si va in semifinale. Si gioca contro Bologna.
Per passare nelle leggenda servirà trovare le forze necessarie per battere quelli che gli addetti ai lavori dicono dovrebbero vincere il titolo. E’ chiaro che giocare e divertirsi pur in una gara così importante sarà necessario per poter mettere in difficoltà una formazione che solo un miracolo potrebbe tenere lontano dalle quattro squadre più forti d’Italia.

Alle ore 20.30 sapremo se i miracoli sono solo una cosa a cui ispirarsi oppure una certezza per fare il meglio del meglio. In bocca al lupo Blu.

FINALI NAZIONALI UNDER 17 ECC. - BARLETTA
COMARK - BENETTON TREVISO 76-96
TROPPO FORTE TREVISO. KO COMARK


Finali Nazionali Under 17 Barletta – 2° giornata
Comark Bergamo – Benetton Treviso 76-96 (40-47)


Comark: Scarrocchia, Planezio 11, Gotti 11, Gritti 26, Belotti, Marulli 9, Casappa, Cancelli, Gibellini 3, Carnovali 9, Tomasini, Lussana 7. All. Schiavi
Treviso: Ceron 20, Gentile 31, Zanelli 7, Zanatta, Trevisin 1, Quarisa 10, Tomasi 2, De Paoli, Brusamarello, Baraviera 19, Varrone, Deguara 6. All. Vertemati

Arbitri: Noce di Latina e Napoletano di Acerra

Parziale dei quarti: 20-26; 20-21; 18-22; 18-27

Statistiche Comark Bergamo: tiri da due 22/39 (56%) tiri da tre 5/26 (19%) tiri liberi 17/26 (65%). Rimbalzi difensivi 32 (Planzio 13) offensivi 7 (Lussana 2 Gibellini 2). Palle perse 12 (Marulli 3) recuperate 16 (Marulli 3). Assist 8 (Gritti 3).

Treviso: tiri da due 22/42 (50%) tiri da tre 14/34 (41%) tiri liberi 10/18.

Non riesce l’impresa alla formazione Under 17 Comark che nella sfida per il primato del girone A delle Finali Nazionali di Barletta deve cedere alla distanza alla forte formazione trevigiana della Benetton Treviso.

Percentuali da favola nel tiro dall’arco per i trevigiani che si rifanno con gli interessi della sconfitta dell’anno scorso a Montecatini condannando alla prima gara persa il gruppo Comark. Davvero troppe le 14 triple messe a segno dalla squadra di Vertemati, con Alessandro Gentile a fare la voce grossa nelle realizzazioni (5/11 da due, 5/12 da tre, 6/8 ai liberi) coadiuvato da un concreto Gianmaria Baraviera (5/5 da due, 3/5 da tre).

Gara in equilibrio per larghi tratti di match con i Blu capaci di passare al comando soltanto in fase iniziale. Il lungo Deguara (oltre i 220 centimetri – nella foto) fatica a contenere la maggiore dinamicità di Gotti e Planezio. Gritti sopperisce alla mira sbilenca dal perimetro con delle buone giocate in penetrazioni. Carnovali cala tre triple nel secondo periodo facendo reggere di fatto la sostanziale supremazia fisica dei verdi.

Dopo la pausa lunga Treviso mostra ancora grande precisione dalla distanza. Si passa dal 49-56 di metà terzo periodo fino al 71-80 del 35°. Solo nel finale l’ennesima scarica di triple (nel 4° 5/8 da tre) fa chiedere la gara. Treviso mantiene l’imbattibilità e Bergamo nella terza partita di lunedì 2 giugno deve battere Alfa Omega Ostia per poter accedere ai quarti di finale con Virtus Bologna.